Recensione: “Folle amore” di Alex De Rosa

Buon sabato amici di Romance e altri rimedi! Che progetti avete per questo weekend? Io naturalmente ho intenzione di rilassarmi e di leggere (come sempre del resto) ma intanto colgo l’occasione per presentarvi la recensione della mia ultima lettura: “Folle amore” di Alex De Rosa.

received_1822981521320780_resized_20170210_104000498Sinossi:

Gloria, trentacinque anni, si sveglia una mattina e decide di scappare dal grigiore di Milano e dall’indifferenza del suo compagno per rifugiarsi a Miami da Alessio, suo cugino di primo grado che ha visto nascere. Lo aveva lasciato timido adolescente, invece lui, nel frattempo, è diventato un uomo a cui nessuna donna può resistere.

Quando i cugini si incontrano di nuovo, a distanza di un anno e mezzo dalla folle avventura a Miami, le loro vite sono radicalmente cambiate. Riusciranno a stare lontani o correranno il rischio di amarsi?

 Ispirato alla vera storia dell’autore.


Recensione (a cura di Mara):

Quante volte la vita ci risulta talmente soffocante da farci venire voglia di scappare anche solo per un breve periodo? Confesso di averci pensato parecchie volte, ma a differenza della protagonista di “Folle amore” di Alex De Rosa, non ho ancora fatto questa pazzia (per ora).

Gloria, la protagonista del romanzo, è un avvocato di successo di trentacinque anni che si sente soffocare dalla vita. Apparentemente è una donna perfetta che ha tutto ciò che si possa desiderare: bellezza, intelligenza, una carriera avviata e un rapporto stabile da ormai otto anni. Peccato che spesso le apparenze ingannino e la sua relazione con Jacopo si arrugginisce e si affossa come un treno abbandonato a  un binario morto. Le cene romantiche e i momenti di intimità sono diventati un vago ricordo e perfino il dialogo è ridotto ai minimi termini. Come se non bastasse Gloria si sente oppressa  anche dalle aspettative della famiglia che la vorrebbe  sposata  e con prole.

“Era sempre stata la figlia perfetta, la studentessa modello, l’avvocato più giovane del suo corso, la fidanzata fedele. Forse era per quello che alla fine era scoppiata di botto. Aveva sempre fatto tutto per gli altri mettendo le sue esigenze al secondo posto e, a lungo andare, questo atteggiamento sbagliato l’aveva logorata. Quando era partita per Miami, voleva solo sentirsi viva e forse era proprio il suo istinto che la stava guidando alla conquista di se stessa. Di quello che lei voleva, dei suoi desideri e anche delle sue voglie. Per la prima volta si era sentita di nuovo forte e padrona del mondo, e doveva ringraziare anche il cugino per avergli fatto capire che doveva lottare per realizzare i suoi sogni e non solo lasciarsi vivere.”

L’impressione che ho avuto all’inizio del libro è quella di una donna che ha sempre fatto quello che gli altri volevano per lei, sacrificando i suoi desideri per accontentarli. La sua esperienza a Miami muterà profondamente il suo essere, non solo dal punto di vista sentimentale. Gloria si accorgerà di colpo di quanto le sue scelte siano state frutto di condizionamenti esterni e si trasformerà in una donna combattiva che ha tutte le intenzioni di riprendere in mano le redini della propria vita.

“Quando si era trasferito a Miami due anni prima aveva cercato subito lavoro come barista acrobatico, senza nemmeno inserire nel proprio curriculum la laurea con lode e il Master in Business Administration superato a pieni voti. Quella era la sua vita passata che stava cercando di dimenticare. (…..) L’unico problema era comunicarlo alla famiglia. Non che si sentisse in colpa, anzi. La vita era sua e si sentiva libero di viverla come e dove volesse. (…) Si sentiva come un lupo solitario alla ricerca di posti nuovi e stimoli diversi.”

Alessio ha circa 25 anni ed è il cugino minore di Gloria. È il classico ragazzo che si circonda di belle donne per puro divertimento, senza mai legarsi a una in particolare. Sin dall’adolescenza ha sempre provato una forte attrazione per la cugina e mai avrebbe pensato che le sue fantasie potessero diventare realtà. A differenza di Gloria, Alessio è un ragazzo impulsivo che non ha paura di vivere come vuole e di compiere delle scelte. Anche il suo personaggio crescerà nella storia, imparando ad accettare le responsabilità e, alla fine del romanzo non troviamo un ragazzo che pensa solo a godersi la vita, ma un uomo maturo e sicuro di sé.

Devo essere onesta: inizialmente ho faticato a immedesimarmi  per lo stretto legame di parentela dei due protagonisti, ma a mano a mano che leggevo mi sentivo sempre più coinvolta e mi sono ritrovata a soffrire e a emozionarmi insieme con Gloria e Alessio. Il legame che unisce questi due ragazzi ha radici molto profonde.  Nonostante la differenza d’età, la loro intesa è forte e preponderante malgrado negli anni a venire si siano persi di vista per un lungo periodo.

La passione è l’elemento cardine di questo romanzo. L’attrazione che unisce i due ragazzi è potentissima ed è ben evidente sin dal loro primo incontro e sono numerose  nel libro le descrizioni dei  momenti di intimità. Inizialmente entrambi sembrano resistere ai rispettivi impulsi, ma ogni tentativo è risultato vano.

“Lui la tenne talmente stretta a sé che la ragazza pensò di soffocare. Sensazione pericolosa, eppure così eccitante. Sentire le sue braccia muscolose sui fianchi e tutto il corpo teso e solido dietro di lei era adrenalina allo stato puro. E poi il suo viso tra i capelli, a pochi millimetri dall’orecchio e dal collo. Nonostante il vento, riuscì a percepire il suo respiro sulla pelle che rabbrividì al minimo contatto. Quel contatto ravvicinato espresse più delle mille parole che avrebbero potuto dirsi. Fu come se lui le stesse dicendo che la perdonava e che le voleva bene, sempre e comunque. Soprattutto non voleva che lei se ne andasse, infatti la bloccava per la vita e non sembrava avere la minima intenzione di mollarla. Ecco cos’era tutta quella tensione tra di loro. Non era così stupida da non rendersi conto dell’incredibile attrazione magnetica che li attirava l’uno all’altra, però non si era accorta di quanto quella forza li stesse consumando in una lotta contro loro stessi. Il desiderio proibito di amarsi era talmente devastante da logorarli entrambi.”

La loro storia è per certi versi commovente e gli ostacoli da affrontare per coronare quel sogno d’amore  sono davvero moltissimi, primo fra tutti  la famiglia: come fare accettare la loro relazione? Come affrontarli? Gli interrogativi e i dubbi che si pongono sono tanti.

I familiari di Alessio e Gloria (e tutti gli altri personaggi secondari), a differenza dei due protagonisti il cui aspetto psicologico è rappresentato con notevole cura, sono delineati in maniera superficiale. Unico appunto su Jacopo (il fidanzato di Gloria): un uomo sgradevole e falso che onestamente ho detestato dal primo momento in cui compare nel libro. In poche righe l’autore riesce a farci percepire la sua meschinità .

Il linguaggio utilizzato da De Rosa è molto diretto ed esplicito (anche troppo in certi casi) e nel complesso è scorrevole. La storia è narrata in terza persona, a punti di vista alternati tra Alessio e Gloria, scelta che ho apprezzato molto perché permette al lettore di vivere le emozioni e le paure di entrambi. Spesso infatti mi trovo a leggere romanzi che danno maggiore spazio al punto di vista femminile e mi sembra quasi che manchi qualche cosa.

In complesso ho trovato la lettura piacevole e particolarmente emozionante, tant’è che al termine  una frase continuava a frullarmi nella testa: “L’amore vince ogni cosa e noi cediamo all’amore” (Virgilio). Penso che confermi l’impressione che ne ho avuto, in quanto ci permette di dare uno sguardo a 360° sulla forza dei sentimenti , sui legami e sul coraggio. Un amore da cui hanno voluto rifuggire, ma senza successo.

Consigliato a chi ama le storie d’amore potenti e a tratti piccanti.

firma


Biografia:

 Alex De Rosa è lo pseudonimo di un quarantenne italiano con la passione della lettura e della scrittura, che per ovvi motivi di privacy, ha deciso di raccontare la propria storia rimanendo anonimo.

I suoi libri Folle idea, Folle destino (riuniti in Folle amore), Una splendida follia, Folle estate e Tu sei dentro di me, sono stati scaricati da oltre ventimila persone in due anni, diventando un vero e proprio fenomeno del self publishing.

Potete acquistare il libro su Amazon

 

Annunci

8 pensieri su “Recensione: “Folle amore” di Alex De Rosa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...