Recensione: “Obsession” di Connie Furnari- Ed. Rizzoli

Buon pomeriggio e buon lunedì! Vi presento la recensione della mia ultima lettura: “Obsession” di Connie Furnari (pubblicato da Rizzoli nella collana Youfeel). Un libro che si legge tutto d’un fiato!

furnariSinossi:

A trentotto anni Helena non ha prospettive per il futuro: vive in una sperduta cittadina del Midwest, lavora con scarsa convinzione e ancora più scarsi risultati in un’agenzia di assicurazioni, ha un marito che la tradisce e un figlio adolescente che la considera solo una seccatura. L’incontro casuale con Jaxon, di molto più giovane di lei, la sconvolge: lei non sa chi sia, né da dove venga, eppure con lui scopre di essere in grado di provare emozioni per troppo tempo dimenticate. Jaxon la guida attraverso un territorio inesplorato e sensuale fatto di trasgressioni che mai Helena avrebbe pensato di percorrere, facendole oltrepassare i limiti delle proprie paure. Ma quello che era nato come un rapporto liberatorio si trasforma presto in una trappola ossessiva e pericolosa. Un dark romance ad alto tasso di tensione, in cui niente è ciò che sembra.

Mood: EROTICO – YouFeel RELOADED dà nuova vita ai migliori romanzi del self publishing italiano. Un universo di storie digitalonly da leggere dove vuoi, quando vuoi, scegliendo in base al tuo stato d’animo il mood che fa per te: Romantico, Ironico, Erotico ed Emozionante


Recensione a cura di Mara: 

Ho iniziato a leggere questo romanzo senza sapere esattamente cosa aspettarmi. È la prima volta che leggo un libro di Connie Furnari e decisamente non credo che sarà l’ultima.  Colgo l’occasione per ringraziare l’autrice e Rizzoli per avermi dato l’opportunità di conoscere questa storia.

La vicenda è ambientata a Bridgetview, la classica cittadina americana sperduta e lontana da grosse città, in cui tutti si conoscono e in cui la vita scorre tranquilla. In un certo senso vivere in paesini come questi deve essere rassicurante perché si ha come l’impressione che il tempo non passi mai e che nulla possa turbarne l’equilibrio, o almeno cosi sembrerebbe…

La protagonista di  “Obsession” è Helena, una donna di 38 anni  che sta vivendo un momento molto triste della sua vita.

“In un certo senso, sono già morta.  Intendiamoci: cammino, mangio, lavoro e tutto il resto ma ogni volta che mi guardo allo specchio non vedo niente. Ho lo sguardo apatico, i miei occhi non riflettono nulla, nessuna emozione: è come se fossi un guscio vuoto.”

Helena è una donna molto sola e incompresa. Si sente poco amata dalla famiglia: il marito la tradisce e non le riserva alcuna attenzione. Il figlio diciottenne sta attraversando la classica fase della ribellione adolescenziale per cui è chiuso in se stesso ed Helena, di fatto, si trova a vivere un po’ come se fosse una estranea in casa propria.

È una donna molto severa con se stessa, non si vuole bene,  non si accetta e si trascura. L’impressione che ho avuto è quella di una persona  depressa e rassegnata che non vive la vita in modo propositivo, ma che si lascia vivere e trasportare dagli eventi.  È convinta di essere un fallimento totale (e sembra quasi crogiolarsi in questa convinzione) e pensa che la sua vita ormai sia finita e che non le possa più riservare delle soddisfazioni.

“(…) Mentre la caffettiera gorgoglia, prendo in mano la foto poggiata su una delle mensole, accanto al televisore. Siamo io e Richard, sorridenti al Luna Park, davanti alla ruota panoramica. Io tengo in braccio mio figlio di due anni. Sembriamo felici. Quella famiglia non esiste più. Guardate la mia casa, nei sobborghi di un classico paesino di provincia: lo specchio della normalità, il luccichio di un’apparente perfezione. Tutto sembra essere al proprio posto, ma non lo è. (…)”

L’arrivo di Jaxon  è un po’ come l’arrivo di un ciclone tropicale dopo un lungo periodo di sole. Helena quasi non può credere di essere ancora una donna piacente.  I primi tempi il rapporto con lui ha degli effetti positivi su di lei. Finalmente inizia a prendersi cura di sé e a riprendere in mano le redini della sua vita e perfino il rapporto con il figlio sembra migliorare.

“ (…)  sento di poter fare tutto quello che voglio, basta che io lo desideri. Erano anni che non godevo così tanto. È tutto merito di Jaxon. Non so cosa mi abbia fatto ma qualcosa dentro di me è esploso: la maschera della brava mogliettina è frantumata. (…) Non riesco a credere a tutto quello che mi sta succedendo. Fino a pochi giorni fa ero una donna disillusa, incapace di emozionarsi, adesso il cuore mi batte forte e mi sento pimpante come una quindicenne con la perenne voglia di fare l’amore. Quando esco dal lavoro, mentre i raggi del sole sfocano d’ambra e illuminano le case, vengo invasa da una grande malinconia mista a una grande gioia. Ho paura di essere davvero innamorata.”

A una prima occhiata Jaxon ci appare come il classico ragazzo da romanzo rosa. Affascinate e gentile, ricopre Helena di premure e attenzioni alle quali non era più abituata. In realtà è un personaggio che si rivelerà assai complesso e ambiguo: una personalità e un passato (a cui forse avrei preferito fosse dedicato più spazio nella storia) che nascondono dei lati oscuri e che mi hanno letteralmente sconvolto. Il suo ascendente su Helena è fortissimo e lui ne è consapevole fin dal primo momento in cui si incontrano. La loro relazione inizialmente sembra solo una semplice tresca, ma a mano a mano si trasformerà in un rapporto “malato” e ossessivo che avrà delle conseguenze imprevedibili e inquietanti.

“Esistono confini che, una volta separati, non ti permettono più di tornare indietro.”

“Obsession” non è il classico romanzo rosa ricco di romanticismo con il tanto agognato “happy ending”. Esce completamente da questi schemi e sfocia in tinte più dark, trattando tematiche a intervalli molto forti. L’elemento passionale è decisamente preponderante e l’attrazione tra i due protagonisti è evidente. Nonostante io sia maggiormente abituata ai romance classici e sia di fatto un’anima romantica ho davvero apprezzato questa lettura. La trama non è mai scontata e mi ha coinvolto sin dalla prima pagina: mi ha fatto soffrire, inquietare, commuovere ed emozionare al punto che non riuscivo quasi a smettere di leggerlo. Il finale poi mi ha completamente spiazzato  e stupito (se volete saperne di più leggete il libro!).

La scrittura è scorrevole e il ritmo incalzante. I momenti intimi tra Helena e Jaxon sono descritti con perizia senza mai essere volgari o banali.  La vicenda è narrata in prima persona dalla protagonista e non ha che favorito (a mio avviso) l’immedesimazione.

È  un libro che mi ha  fatto pensare. In più occasioni mi sono domandata quante famiglie apparentemente perfette siano in realtà come la famiglia di Helena. Chissà quante donne, che hanno apparentemente tutto, vivono situazioni di disagio come la sua nella totale indifferenza della gente…

“Quel giovane bellissimo che mi ha soccorso, mi ha vista. Da moltissimo tempo credevo di essere un fantasma, invisibile agli occhi di tutti. Nessuno era mai stato in grado di vedere la mia sofferenza.”

Quando si superano i trent’anni spesso iniziano i bilanci della propria vita e succede che i sogni dell’adolescenza non si siano realizzati. Molte volte non si ottiene il lavoro desiderato e i figli, la routine e gli impegni, portano a trascurarsi e ci si ritrova a vivere in uno stato di perenne insoddisfazione.

Penso che sia davvero facile risvegliarsi un giorno e ritrovarsi nei panni di Helena, del resto la società è di solito completamente indifferente ai problemi dei singoli individui.

Consiglierei “Obsession” a chi cerca un romanzo avvincente e  che apprezzi le storie dal sapore piccante e mai scontato.

firma


Biografia:

Connie Furnari è nata a Catania. Laureata in lettere, ha pubblicato con varie case editrici e vinto diversi premi letterari. Predilige scrivere fantasy e paranormal, ma si dedica anche al romance e alla narrativa per bambini. Vive tra centinaia di libri e dvd, adora leggere, disegnare manga e dipingere quadri. Il suo blog è https://conniefurnari.blogspot.it/.

Potete acquistare “Obsession” di Connie Furnari su Amazon.

Annunci

4 pensieri su “Recensione: “Obsession” di Connie Furnari- Ed. Rizzoli

  1. Interessante davvero! Però, ammetto, ho un piccolo timore a intraprendere le letture dei dark romance… Non so cosa aspettarmi e quindi sono leggermente titubante ahah Magari gli darò una possibilità!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...