Recensione: “Al di là del Tevere” di Giulia Benedetti

Buon pomeriggio! Oggi vi presento la recensione della mia ultima lettura!

copertina-kindleSINOSSI

Un incontro casuale.
Un destino impossibile da evitare.

Nella magica Roma dei giorni nostri, Giorgio Cappelletti, fotografo di 39 anni, incontra Valeria Capitani, modella di 30 anni.
Valeria è subito colpita dal carisma di Giorgio così come dalla personalità particolare e, proprio grazie alla sua solarità, proverà in tutti i modi a fare breccia nel suo cuore.
Giorgio, invece, cercherà di non farsi coinvolgere troppo, proprio per evitare di ricadere in quella trappola mortale che è l’Amore con la A maiuscola.
Entrambi, però, hanno un segreto. E faranno di tutto per proteggerlo.
Con protagonisti gli amici Pietro e Claudio, le amiche Anna e Sabrina, e il carismatico Flavio,  Al di là del Tevere è una storia che parla d’amore, di rivincita, di paure… e di destino.


RECENSIONE  a cura di MARA

Ho iniziato a leggere “Al di là del Tevere” in una di queste prime giornate di bella stagione. Devo ammettere che la copertina con questi colori vivaci mi ha trasmesso subito una sensazione di allegria e di voglia d’estate.

Grazie alla penna di Giulia Benedetti in un attimo mi ritrovo a Roma e tra i locali più o meno sofisticati della capitale incontriamo i protagonisti di questa storia: Giorgio e Valeria.

Valeria è una modella di 30 anni di grande successo che ormai sta vivendo gli ultimi giorni della sua carriera.

“Penso a quando sono partita per Parigi, dieci anni fa, e sono tornata completamente diversa. Ho cominciato a solcare le passerelle che ero poco più di una bambina, a soli 19 anni. Ho conosciuto le più grandi top model di sempre, ho partecipato ai party più esclusivi, sono stata sulle copertine delle riviste di moda più importanti nel campo. (…) Di strada ne ho fatta tanta, e adesso ormai è finita la mia vita in questo mondo. Adesso le mie colleghe di quattro o cinque anni più giovani sono sulla cresta dell’onda…(…) Accetto di essere invecchiata, accetto che siano le ventenni a comandare ora ma un’ultima sfilata me la merito. Ho dato tanto al mondo della moda ed è giusto che ora sia proprio quel mondo a darmi il giusto riconoscimento.”

Ogni professione ha le sue insidie, ma trovo il mondo della moda davvero spietato perché la carriera delle modelle ha durata molto breve e forse solo le ragazze con una certa forza di carattere (dote che ho riscontrato in Valeria) riescono successivamente a reinventarsi.

Agli inizi non mi aveva colpito particolarmente (lo ammetto) ma conoscendola meglio mi sono davvero ricreduta. Valeria è una ragazza davvero complessa: impeccabile e bellissima, sembrerebbe la classica modella superficiale concentrata esclusivamente sul proprio aspetto e sulla vita mondana. In realtà è solo stanca del suo lavoro pur essendo una donna solare e vivace con una grande intelligenza. Ha un segreto del passato che la spingerà a compiere una scelta coraggiosa e ammirevole, fattore scatenante affinché si rimetta in gioco.

“Sono single da più di dieci anni, ormai, e non è mia intenzione impegnarmi più o meno da quando sono diventato single. Odio i legami in tutte le sue forme, tra un po’ pure l’appuntamento fisso del pranzo domenicale con Pietro mi mette ansia. Sarà misera, poco movimentata, vuota… ma la mia vita è bella anche per questo. Posso fare ciò che voglio quando voglio e come lo voglio… sempre! Vediamo il lato positivo, ogni tanto!

Meglio rimanere allo status-quo, lo dico sempre…”

Al contrario di Valeria, Giorgio è un personaggio simpatico fin da subito. Inizialmente è ostile e scostante. A causa di una delusione passata si è rinchiuso in se stesso e si è rassegnato a vivere un’esistenza solitaria e vive nell’illusione che questa scelta sia la migliore per lui. È uno spirito libero ed è stato indurito dagli anni di solitudine che lo hanno profondamente cambiato, cancellando il giovane ragazzo ventenne estroverso e allegro di un tempo.

È prevenuto nei confronti delle modelle che considera tutte come delle donne di scarso acume e, infatti,  agli inizi il rapporto con Valeria è tutt’altro che idilliaco.

Questi atteggiamenti calcolati in realtà sono solo la superficie, la corazza esteriore, perché Giorgio è un uomo molto sensibile e romantico che aspetta solo la donna giusta, proprio quella che saprà riportare a galla le sue qualità positive. Ho davvero amato questo personaggio che, pur correndo dei rischi è stato capace di aprire di nuovo il suo cuore.

Attorno alla coppia ruotano numerosi personaggi secondari e tra questi quello che ho maggiormente apprezzato è Sabrina, l’amica “di sempre” di Valeria, una donna grintosa che è pronta a difendere le persone che ama. Nei momenti di difficoltà vorrei avere vicino una persona come Sabrina che è sempre presente e comprensiva. È la classica amica con la A maiuscola, quella su cui puoi contare per qualsiasi cosa.

“Intorno a noi, le persone camminano in gruppi, creando la solita atmosfera chiassosa di Trastevere, una delle cose più belle di Roma. Qualsiasi turista del mondo intero, che almeno una volta è stato a Roma ed è venuto qui, se n’è innamorato. Per forza. D’altronde non c’è alternativa.  Non puoi non innamorati delle osterie, dei camerieri che ti chiamano dentro, cercando di convincerti che è proprio nel loro ristorante che si mangia la più buona pasta cacio e pepe di tutta Roma. E poi i colori, gli artisti di strada, i rumori… tutto è bello qui.”

La città di Roma, in cui è ambientato il romanzo, è descritta con accuratezza. Leggendo il romanzo mi è sembrato quasi di passeggiare per le vie della città eterna e di assaporare le atmosfere così uniche che un luogo simile (che ho sempre amato per l’innegabile valore artistico e storico) ci regala. Brava la Benedetti che è riuscita a trasferire su carta lo spirito intrinseco della nostra bella capitale.

È  una storia che si legge molto velocemente e che dà il meglio a mano a mano che ci si addentra nella lettura. La vicenda è narrata dai due personaggi principali,  Valeria e Giorgio, permettendoci di comprendere in pieno le emozioni e i dubbi di entrambi.

“Al di là del Tevere” è un romance molto delicato e molto romantico. È un libro che emoziona e che tratta anche temi importanti come l’influenza del passato sul presente e che spesso sembra soffocarci. Così come i protagonisti di questa  storia impareranno che scappare da eventi traumatici non allevia le sofferenze ( i conti in sospeso prima o poi si ripresentano sempre), così riconosceranno che è necessario lottare se davvero si vuole qualcosa, perché bisogna essere disposti a mettersi in gioco per arrivare alla conquista di qualsiasi.

Altra cosa che ho apprezzato molto sono i riferimenti musicali presenti in tutto il testo: vengono infatti citati i testi di alcuni dei cantautori italiani più noti, primo tra tutti Claudio Baglioni (che è probabilmente uno degli artisti che ha scritto i testi più romantici). La passione per la musica è uno dei primi elementi che contribuisce ad avvicinare Giorgio e Valeria agli inizi della loro storia.

Ho trovato “Al di là del Tevere” una lettura carina che le persone romantiche potranno apprezzare. È  contemporaneamente un inno alla bellezza della città eterna e alla grande musica italiana. Ringrazio, inoltre, la Benedetti per avermi fatto leggere una dichiarazione d’amore tra le più belle lette negli ultimi mesi. Tuttavia una nota dolente purtroppo c’è: lo stile. Mi spiego meglio. Le buone premesse per emergere ci sono tutte, ma riconosco nella scrittura dell’autrice una maturazione sintattica e di stile narrativo ancora piuttosto acerbo.

Consigliato alle anime romantiche in cerca di dolcezza.

firma


BIOGRAFIA:

Giulia Benedetti, nata a Bologna nel 1988, scrittrice per passione.
Ho iniziato a scrivere circa tre anni fa, riuscendo poi a pubblicare il mio primo lavoro a settembre del 2015.
Il mio romanzo d’esordio, dal titolo “Se cerchi mi vedi”, è salito in cima alla top ten in pochissimo tempo, convincendo anche la casa editrice Lettere Animate a propormi un contratto.
A seguire, “Le ragazze di Pikewood“, genere mystery romance, nel dicembre 2015. A gennaio 2016 avviene la svolta e l’immediato successo: con la trilogia “Daniele & Veronica“, i tre volumi della serie salgono in #TOP100 trasformandosi in Best Seller.

Link d’acquisto:  https://www.amazon.it/dp/B01M61OF9Z/ref=tsm_1_fb_lk

Annunci

2 pensieri su “Recensione: “Al di là del Tevere” di Giulia Benedetti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...