Recensione: “Mai più innamorata” di Cecile Bertod- ed. Newton Compton

Ciao a tutti! Oggi il blog partecipa al Review Party di “Mai più innamorata”, l’ultimo romanzo di Cecile Bertod che da oggi è disponibile su tutti gli store. Ringrazio Ilenia del blog Libri e altri disastri per avermi coinvolta in questo evento e la casa editrice per avermi dato l’opportunità di leggere il romanzo in anteprima.

 

bertodSinossi

Daphne è una famosissima autrice di romanzi erotici e per il suo ultimo libro ha appena firmato un contratto con un anticipo da capogiro. Però, dopo aver incassato l’assegno, la sua ispirazione si è come bloccata. Non risponde alle numerose email del suo editore e si barrica dentro casa, fino a quando non decide di ascoltare il consiglio del suo commercialista, che le propone di tornare nel paesino in cui è nata e trascorrere lì qualche giorno in totale relax. Sperando di trovare la giusta concentrazione, Daphne va quindi a Banff, ma le cose non migliorano affatto. Tutt’altro. A renderle la vita impossibile ci pensa Edward, un architetto che ha un conto in sospeso con lei, perché uno dei suoi libri gli ha causato non pochi problemi… Eppure, anche se è difficile da ammettere, Daphne si rende ben presto conto che riesce a scrivere solo quando vede Ed. E lei non intende in alcun modo rinunciare alla possibilità di terminare il suo romanzo…

Per trovare l’ispirazione, la migliore cura è seguire il cuore…


Recensione di Mara

banner bertod

Questo romanzo è stata una vera benedizione dal cielo. Ho iniziato a leggere “Mai più innamorata”  una sera in cui avevo il morale sotto i piedi e l’ho letteralmente divorato.

Daphne è una giovane donna che nasconde un segreto: è una famosa scrittrice di romanzi erotici (che scrive utilizzando uno pseudonimo).

Piacere, Daphne Hayes: ventinove anni, impassibilità congenita, attività sessuale ai minimi storici, nonché una delle più promettenti autrici di romanzi erotici del globo. Alcuni lo chiamano caso. Io preferisco punizione divina.

Visto il genere letterario che scrive ci si aspetterebbe di trovarsi di fronte a una donna sexy, dall’aspetto curato e con una vita sociale e sessuale vivace. Niente di più falso.

Daphne è un vero disastro: è impacciata, pasticciona, poco razionale e spesso si dimentica le cose perché la sua mente è occupata a fantasticare. La sua vita sociale è tutt’altro che rosea e trascorre le giornate principalmente a casa, nel disordine, scrivendo. Nonostante la sua predilezione per i romanzi rosa ed erotici, però, non ha nessunissima voglia di costruirsi un rapporto duraturo nel tempo, di sposarsi o di avere figli.

Esistono creature meno compatibili di quanto possano esserlo un uomo e una donna? (…) (…) Come non si sia ancora sfiorata l’estinzione è tra le perplessità che continueranno a tormentarmi finché avrò vita. Perché è facile inneggiare alla monogamia applicata dopo aver letto trecento pagine di Margaret Mitchell. Non è altrettanto immediato invece, se al posto di Rhett Butler ti trovi a letto col cugino scemo di Ace Ventura: trentacinque anni, assuefazione da videogame e credo religioso nell’evaporazione come unica forma possibile di pulizia dei sanitari. E non vale a nulla neanche il dialogo, perché parliamo lingue differenti. Anzi,no, peggio. La lingua è la stessa, sono le sinapsi a essere invertite.

Nonostante questo aspetto i suoi libri sono dei veri e propri successi editoriali e, infatti, all’inizio della vicenda le è stato offerto un contratto di pubblicazione da capogiro. L’unico problema in tutto questo è che sta attraversando un momento difficile per la scrittura, sta vivendo quello che viene comunemente chiamato “blocco dello scrittore”. Le pressioni dell’editore, inoltre, non l’aiutano a trovare l’ispirazione e così decide di trascorrere qualche tempo nella piccola baita di famiglia a Banff, un paesino in Canada.

Banff non si rivela essere l’oasi di pace che sperava. Edward (chiamato da tutti Ed) un giovane architetto è arrabbiato con lei perché ritiene che i suoi libri siano la causa della rottura del suo fidanzamento con Candy, la sua ragazza storica, che lo ha lasciato praticamente sull’altare. Ed decide di ricattare Daphne minacciando di raccontare a tutti quale sia la sua professione se lei non accetta di aiutarlo a ricostruire il rapporto con Candy.

Dopo quindici anni insieme, non esiste più un noi. Esiste solo un io molto depresso, un telecomando e la pizza a domicilio. E tutto per colpa di Melody Soyer! Che voleva da lui? Cosa le aveva fatto? Con che diritto era entrata nella sua vita per rovinarla? Ah se solo potesse averla tra le mani per due minuti… Due minuti soltanto e quella dannata arpia si guarderebbe bene dal mettere ancora un dito su una tastiera. Melody Soyer… Ed si è chiesto più volte chi possa essere una che scrive storie simili. Sul retro della copertina, però, non ha trovato nessuna foto.

Come Daphne, Ed non è un personaggio perfetto. Anche se indubbiamente ha fascino, non è un giovane miliardario alla mr. Grey e nemmeno un mr. Darcy. Il suo stile nel vestire e i suoi modi lasciano a desiderare. È spesso scontroso con le persone che lo circondano. Ovviamente ha anche molte caratteristiche positive tra cui un adorabile senso dell’umorismo! (che ho letteralmente adorato).

Protagonista secondaria della storia è Candy, la ragazza storica di Ed. Già il nome suggerisce alcuni tratti della sua personalità: una donna in apparenza perfetta, affascinante, sempre precisa, talmente dolce da risultare stucchevole oltre che noiosa. Mi è stata antipatica sin da subito e non solo perché mi era più facile immedesimarmi in Daphne, che in qualche modo rappresenta la maggior parte delle donne, ma perché l’ho trovata viziata, superficiale ed egoista. Anche gli altri personaggi minori, che hanno comunque una parte nella storia sono ben caratterizzati. Ho amato moltissimo il piccolo Ben e trovo che la strana amicizia che nasce tra lui e Daphne sia molto tenera.

Il rapporto tra Daphne ed Ed mi è piaciuto moltissimo. Inizialmente si detestano poi, con il tempo, grazie alla strana alleanza nata per cercare di riunire la coppia scoppiata, il loro rapporto muta in modo graduale nel tempo. Ho trovato, inoltre, esilaranti i battibecchi.

La trama del romanzo è esilarante. L’ironia e l’umorismo della Bertod sono qualcosa di unico  e speciale. “Mai più innamorata” è  una delle commedie romantiche più divertenti e belle che abbia letto negli ultimi tempi. È il giusto antidoto contro il cattivo umore  che alterna momenti di puro divertimento ad attimi di puro romanticismo.

Lo stile della Bertod è pulito, diretto e la lettura è talmente scorrevole che il romanzo lo si divora d’un fiato (purtroppo!). Il ritmo della narrazione è veloce e anche le descrizioni sono esclusivamente finalizzate alla trama e mai troppo lunghe.

Se siete in cerca di una storia romantica e divertente che vi riporti il buon umore leggete il libro della Bertod! Unica avvertenza: crea dipendenza, quando iniziate a leggerlo non riuscirete più a smettere. Non dite che non vi ho avvertito!


Biografia

Cecile Bertod è una restauratrice archeologica e vive a Napoli. Tra un restauro e l’altro, ama leggere. Ha iniziato a scrivere con un fantasy, poi ha proseguito con il rosa. Nutre una certa avversione per i nerd, le cene alla romana e la piastra per i capelli. La Newton Compton ha già pubblicato, con notevole successo, Non mi piaci ma ti amo, Nessuno tranne te, Ti amo ma non posso, Dopo di te nessuno mai, C’era una volta a New York e Mai più innamorata.

Il romanzo è disponibile su Amazon

N.B NON PERDETE LE ALTRE RECENSIONI!

Optimized-review bertod

 

8 pensieri su “Recensione: “Mai più innamorata” di Cecile Bertod- ed. Newton Compton

  1. Pingback: Tris di Consigli: “Tre romanzi di cui abbiamo amato le protagoniste femminili” -Kristin Hannah, Tillie Cole, Cecile Bertod | ROMANCE E ALTRI RIMEDI

  2. Pingback: The best of 2018 | ROMANCE E ALTRI RIMEDI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.