Intervista a Nicolò Marino

Buongiorno amici lettori!

L’articolo che leggerete oggi è un po’ speciale. Ho il piacere infatti di ospitare nel mio salottino virtuale Nicolò Marino che ci parlerà in modo particolare della sua ultima opera Il guanto segreto di re Mida e della sua esperienza con la nuova casa editrice Bookroad (di cui vi avevo già parlato in QUESTO ARTICOLO). Troverete in fondo al post anche una presentazione del romanzo e tutti i modi per sostenere la campagna di crowdfunding. Siete curiosi di saperne di più? Continuate a leggere!

immagine logo

Buongiorno Nicolò, benvenuto sul blog Romance e altri rimedi! Parlaci un po’ di te, chi sei nella vita di tutti i giorni?

Buongiorno a tutti. Grazie per avermi concesso questo spazio, è un piacere essere qui.
Mi presento subito, sono Nicolò, ho 37 anni, ho sangue siciliano ma vivo vicino Milano. Nella vita di tutti i giorni svolgo normalissime attività. A parte scrivere ogni volta che posso seguendo la mia fantasia che mi fa creare qualcosa di nuovo, lavoro su turni per una famosa catena di fast food. Nel tempo libero leggo molto e seguo gli sport che mi appassionano. Amo stare in compagnia di mia moglie con la quale condivido la passione per i viaggi. Il nostro obiettivo è visitare tutti i posti che ci attraggono e riuscire a rivivere in prima persona quello che abbiamo solo sognato a occhi aperti.

Le tue opere sono principalmente di genere storico. Come è nata questa tua passione per la storia?

Il mio amore per la storia è nato anni fa, quando frequentavo la scuola media. Le antiche civiltà e alcuni personaggi che ne hanno segnato il percorso, mi sono entrati nel cuore. L’antico Egitto, la Grecia classica, Roma imperiale e figure storiche importanti come Federico II di Svevia, hanno sempre avuto un grande fascino per me. Ho letto svariati libri incentrati su quelle epoche. Libri che hanno aumentato questa passione, facendola diventare parte di me. In seguito questo interesse l’ho riversato nei miei scritti. Luoghi e ambientazioni storiche meravigliose hanno fatto nascere trame e personaggi che appassionano me in primis. Per questo in tutti miei libri ho inserito una piccola parte che rispecchia quello che ho dentro e cioè la fiamma viva alimentata da quest’amore che nutro per la storia. Spero solo che riesca a catturare l’attenzione di chi legge le mie storie.

Hai recentemente scritto Il guanto segreto di re Mida.  Qual è stato l’input per questo romanzo? Di che cosa tratta?

Questo romanzo nasce dal mio interesse per il genere storico legato anche al filone del mistero. Ho sempre amato le storie che trattano di enigmi collegati a qualcosa di antico e misterioso. Il mio romanzo parte dal furto di una reliquia leggendaria che sembra possedere poteri magici: il famigerato guanto di re Mida. Nel corso dei secoli le sue tracce si perdono per riapparire durante le crociate e in seguito attira l’attenzione di una delle menti più geniali della storia, Leonardo Da Vinci. Ai giorni nostri, poi, il giornalista Lorenzo Venturi riceve l’invito alla conferenza di un illustre archeologo, Miguel Navarro, che muore in circostanze sospette durante l’evento. Così Venturi, con la giovane assistente dell’archeologo, Penelope Diaz, si mette sulle tracce dell’assassino, scoprendo ben presto che l’omicidio è collegato al leggendario guanto, capace con i suoi poteri di cambiare le sorti del mondo.

Sei recentemente approdato nella nuova casa editrice Bookroad, una piattaforma crowdfunding. Ci vuoi spiegare in che cosa consiste questo nuovo progetto?

Questo nuovo progetto consente all’autore di mettersi in gioco, perché mette in vetrina il proprio romanzo ancor prima della pubblicazione, prefiggendosi di raggiungere vari traguardi con il pre-ordine di copie sia cartacee, sia in ebook. Oltre al primo obiettivo, che consiste nel raggiungere la pubblicazione e l’iter che precede l’uscita, vi sono altri traguardi importanti che allargano il palcoscenico in cui il manoscritto si può cimentare. Se la campagna va bene il libro può arrivare negli aeroporti, alle stazioni ferroviarie, fino a giungere in grandi supermercati e centri commerciali. Tutti i lettori possono sostenermi in quest’avventura, aiutandomi con la realizzazione del mio sogno e cioè vedere pubblicato da una casa editrice il mio romanzo.

Perché i lettori dovrebbero sostenere la tua campagna? 

Ho sempre amato condividere le mie passioni. È sempre un piacere trovare persone che hanno i miei stessi interessi e con cui mi posso confrontare. È anche vero, però, che incontrarne altre con cui non ho niente in comune, è stimolante. Mi piace portarle a cambiare idea e riuscire a farle interessare alle cose che amo e che fanno parte di me. Per questo ho deciso di aderire a questa campagna. Se anche ai lettori che stanno leggendo queste mie parole, è successo di aver condiviso con amici o conoscenti una cosa a cui loro tenevano in modo particolare, sanno perfettamente cosa ho provato e sto tuttora provando. Ed è proprio a loro che mi rivolgo. Il vostro sostegno permetterà a Lorenzo Venturi e ai suoi amici di vedere la luce, di conoscere un palcoscenico grande e importante che li porterà nelle case di ogni lettore amante del genere thriller e perché no, anche di quelli che non si sono mai approcciati al genere.
Ho scritto questo romanzo perché amo immergermi nelle pagine della storia e ho inserito nella trama molte figure illustri che hanno segnato il corso dei secoli.
C’è molto di me all’interno del libro e il mio obiettivo è sempre stato quello di permettere ai lettori di entrare dentro l’intricato schema che ho creato, conoscere tutti gli aspetti dei personaggi, anche gli aspetti più profondi e nascosti, e riuscire a vivere le stesse emozioni che ho provato io semplicemente leggendo il manoscritto. 

Quali sono i tuoi progetti futuri? Hai qualche altro libro in cantiere?

Ho molte idee che non vedono l’ora diventare concrete. Tra i miei progetti futuri ci sono l’ultimo libro della trilogia Knight, che tratta la storia di alcuni cavalieri di Britannia e le loro avventurose vicende. Poi ho già in cantiere un secondo libro dedicato alla figura di Lorenzo Venturi, anche se è solo in fase di prima stesura. Il mio giornalista è come me, non ferma mai il cervello e sta già pensando a una nuova avventura in cui tuffarsi, sempre legata a misteri antichi.

Se gli utenti del blog volessero seguirti sui social dove ti troverebbero?

Tutti coloro che vogliono seguirmi sui social possono visitare la mia pagina Facebook https://www.facebook.com/NicoloGiovanniMarinoScriptor/

Il mio profilo Twitter, https://twitter.com/nicodragon81

Sul mio account Instagram, https://www.instagram.com/nickmarino81/

Grazie mille per essere stato con Nicolò. Tienici aggiornati!

Grazie  a voi


Il guanto segreto di re Mida di Nicolò Giovanni Marino

Un’avventura travolgente a caccia della leggendaria reliquia

Un romanzo rocambolesco, imprevedibile e avvincente.

Optimized-FB_COPERTINA

La tomba di re Mida, uno dei sovrani più enigmatici di tutti i tempi, viene violata, una reliquia enigmatica scompare. Le sue tracce si perdono nei secoli, fino a quando un gruppo di cavalieri templari la ritrova a Costantinopoli nel XIII secolo.

Due uomini dall’umile aspetto avevano sfidato quel clima rigido, vinti solo dalla voglia di mutare le loro vite. L’invasione dei Cimmeri aveva portato scompiglio tra il popolo della Frigia. Molti erano morti, altri fuggiti per evitare l’onta della schiavitù.

Ai giorni nostri il giornalista Lorenzo Venturi riceve l’invito alla conferenza di un illustre archeologo, Miguel Navarro, che muore in circostanze sospette durante l’evento. Venturi, con la giovane assistente dell’archeologo, Penelope Diaz, si mette sulle tracce dell’assassino, scoprendo ben presto che l’omicidio è collegato al leggendario guanto, capace con i suoi poteri di cambiare le sorti del mondo.

Calys arrancava su per la salita rocciosa. Accanto a lui, suo fratello Ghorta: magro, capelli neri come il carbone e pelle ambrata. I loro cuori vibravano come una corda di arpa che emanava note melodiose. All’improvviso un vento gelido si alzò, costringendo i due a ripararsi dietro una grossa pietra. Mancavano ancora alcune ore all’alba, quando i custodi del sepolcro reale sarebbero giunti a controllare. Dovevano portare a termine il loro piano prima.


Per maggiori informazioni e per sostenere la campagna di crowdfunding visitate il sito della casa editrice cliccando su QUESTO LINK.

Preordinate la vostra copia (cartacea o ebook) e aiuterete Nicolò a realizzare il suo progetto!

Allora ho stuzzicato un po’ la vostra curiosità? Mi raccomando sostenete numerosi questa campagna!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...