Review Party: “Il segreto di Chimneys” di Agatha Christie – ed. Mondadori

70094104_10220053478756286_8313519675174551552_n (1)

Buongiorno! Oggi partecipo al Review Party de Il segreto di Chimneys di Agatha Christie. Ringrazio la casa editrice per la copia del romanzo e il blog The Reading’s love per l’organizzazione dell’evento.

51wdz6y76vL._SX320_BO1,204,203,200_Sinossi

Il castello di Chimneys è uno dei più antichi e celebri dell’Inghilterra. Nei suoi vasti saloni, alla presenza di pochi ospiti, vengono conclusi i più riservati trattati internazionali. Questa volta però un’importante trattativa viene interrotta da un evento inaspettato. Un nobile balcanico viene ucciso. Chi era veramente la vittima? E chi è l’assassino? Forse il giovane avventuriero venuto dall’Africa sotto falso nome, o l’enigmatico collezionista americano, o la bella Virginia Revel, che secondo molti ha un passato da nascondere? E che cosa c’entrano un noto ladro di gioielli famoso per i suoi travestimenti e un gruppo di feroci terroristi?


Recensione di Mara

Durante queste giornate di inizio autunno mi è venuta voglia di riprendere in mano un romanzo di una delle autrici che amo di più in assoluto: Agatha Christie. La Christie è stata uno dei miei primi amori letterari, ricordo come se fosse ieri l’entusiasmo e le emozioni che ho provato quando ho letto per la prima volta uno dei suoi romanzi. Sono passati ormai molti anni dal mio primo “incontro” con la regina del giallo ma è sempre davvero piacevole leggere una delle sue opere.

Avevo già letto Il segreto di Chimneys molti anni fa, quando ero solo un’adolescente ed è stato davvero un piacere e una riscoperta leggerlo una seconda volta con uno sguardo più adulto e più critico. Il segreto di Chimneys, probabilmente non è una delle opere più note della Christie. In questo romanzo, infatti, non compare nessuno dei più celebri investigatori nati dalla sua penna e quindi non aspettatevi di trovare Hercule Poirot alle prese con le sue celluline grigie o Miss Marple, l’anziana signora a cui non sfugge mai nessun dettaglio e nemmeno Tommy e Tuppence. Malgrado l’assenza di un vero e proprio personaggio carismatico di spicco, la trama de Il segreto di Chimneys è talmente intricata e orchestrata alla perfezione che mi sono appassionata subito alla vicenda.

Il castello di Chimneys, teatro principale in cui si svolgono gli eventi, è una delle più antiche dimore del regno britannico. Questa antica residenza ha un importanza vitale per quanto riguarda la politica inglese e internazionale e ogni giorno, tra gli antichi saloni decorati con dipinti e oggetti d’arte di altre epoche, si concludono trattati e negoziazioni che coinvolgono gli interessi di numerose nazioni.

La sua residenza di campagna, Chimneys, era nota per l’ospitalità. Abilmente assistito dalla moglie, figlia del duca di Perth, tesseva e disfaceva la storia durante i ricevimenti informali che si tenevano a Chimneys: in Inghilterra – e in Europa – erano rarissimi gli uomini degni di nota che non vi avessero messo piede almeno una volta.

Gli ospiti che soggiornano, quindi, in questa residenza sono in genere personalità di spicco del mondo politico o della finanza. La quiete e la tranquillità di quelle solide vecchie mura viene sconvolta all’improvviso dal ritrovamento del cadavere di uno degli illustri ospiti del castello. Chi è quest’uomo e perché è stato ucciso?

Il Sovrintendente Battle brancola nel buio. Il crimine è meno banale di quello che potrebbe sembrare e ognuno degli ospiti del castello sembra avere qualcosa da nascondere. Battle deve risolvere in fretta questo complesso rompicapo perché gli interessi in gioco sono davvero enormi, inoltre, la scomparsa misteriosa di alcune lettere. l’aggirarsi per il paese del celebre ladro, noto a Scotland Yard con il nome Re Victor, e le minacce di un gruppo di terroristi complicano notevolmente la faccenda.

All’improvviso, un rumore gli perforò i timpani: uno sparo. Si voltò. Il suono era arrivato dall’interno della casa, ne era sicuro. Aspettò un istante, ma tutto rimase immobile come la morte. Si avvicinò alla portafinestra dalla quale gli sembrava che fosse provenuto il colpo. Provò ad abbassare la maniglia. Era bloccata.(…) (..). Si voltò e tornò verso il parco, vagamente deluso e a disagio. Girandosi verso la casa, vide una luce accendersi a una finestra del primo piano. Immediatamente dopo, la luce si spense e Chimneys piombò di nuovo nell’oscurità.

Come in ogni romanzo della Christie le vicende non sono mai lineari e semplice e il numero dei personaggi coinvolti è decisamente elevato. L’autrice ha un’innata capacità nel delineare in poche righe la personalità dei suoi protagonisti, anche quelli secondari, e riesce a bilanciare in modo perfetto l’aspetto psicologico con l’azione. Tra i vari personaggi che compaiono ne Il segreto di Chimneys ho amato molto Virginia Revel, una giovane e affascinante vedova un po’ stravagante ma dal grande acume, e Anthony Cade, un giovane dai nervi saldi e dal passato misterioso. L’atmosfera a Chimneys è carica di tensione e nessuno degli ospiti sembra avere un alibi valido. Chi di loro è il colpevole?

Ho amato molto questo romanzo, come tutti i romanzi di Agatha Christie del resto, perché la trama avvincente e incalzante mi ha lasciato quasi senza fiato e mi è stato quasi impossibile staccarmi dalle pagine. La Christie è un’autrice che non sbaglia mai un colpo e riesce sempre a sorprendere il lettore con le sue storie imprevedibili e complesse. È quasi impossibile prevedere il finale prima dell’ultima pagina perché, come un’abile prestigiatrice, l’autrice riesce sempre a rimescolare le carte in tavola e a depistare il lettore.

La penna della Christie è fluida, diretta ed elegante ed è un vero piacere da leggere. Tra le pagine di questo romanzo (ma anche negli altri suoi libri) si avverte sempre una sottile vena d’ironia, cosa che ho sempre adorato e che mi ha anche strappato alcuni sorrisi.

“Nel frattempo, sono ancora il suo apprendista assistente?” “Sì, signor Cade”. “Il suo Watson, Sherlock?” “I racconti gialli sono pieni di stupidaggini” rispose il commissario, inespressivo. “Ma sono spassosi” aggiunse “E a volte fanno comodo”.

Sono stata davvero contenta di aver avuto l’occasione di leggere questo romanzo. Il segreto di Chimneys è l’ennesima conferma del talento incredibile di questa scrittrice. Consiglio questo romanzo a chi ha letto e amato i romanzi di Agatha Christie e a chi vuole cimentarsi con un giallo dalle atmosfere tipicamente British.

Il romanzo è disponibile su Amazon

Buona lettura!

Un pensiero su “Review Party: “Il segreto di Chimneys” di Agatha Christie – ed. Mondadori

  1. Pingback: My Bookish 2019 | ROMANCE E ALTRI RIMEDI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.