Review party: “L’ospite indesiderato” di Shari Lapena – ed. Mondadori

70147529_10220053640960341_6554078814765318144_n (1)

Buongiorno! Oggi partecipo al Review Party de L’ospite indesiderato di Shari Lapena. Ringrazio la casa editrice per la copia del romanzo e Raffaella (The Reading’s love) per l’organizzazione dell’evento.

51wvI5PJFfLSinossi:

Un weekend d’inverno al Catskill and Mitchell’s Inn, uno chalet immerso nella foresta, è la situazione ideale per una fuga romantica e rilassante. Il rifugio offre vecchie camere con enormi camini a legna, una cantina ben rifornita e la possibilità di dedicarsi allo sci di fondo, alle ciaspolate o semplicemente di rilassarsi leggendo una crime story.

Quando il tempo peggiora e una tormenta interrompe l’elettricità e tutti i contatti con il mondo esterno, gli ospiti si sistemano e cercano di trarre il meglio dalla situazione d’emergenza.

Presto però uno di loro viene trovato morto, in circostanze non chiare, e la paura prende il sopravvento. E quando i presenti cominciano a morire, uno dopo l’altro, il panico si trasforma in terrore. In quel paradiso innevato, qualcuno o qualcosa sta cercando di ucciderli. E non c’è niente che i superstiti possano fare se non sperare di sopravvivere alla tempesta e l’uno all’altro. In quei giorni di forzata convivenza, in un clima di paura e sospetto, ciascuno degli ospiti è costretto a rivelare i suoi segreti più terribili e mai raccontati, fino a un inatteso e imprevedibile finale.

Dopo il successo dei due romanzi precedenti, Shari Lapena, i cui libri sono tradotti in oltre trenta paesi nel mondo, torna in libreria con questo nuovo romanzo che riconferma le sue grandi doti di scrittrice.


Recensione di Mara

Sono passate ormai due settimane dal mio rientro dalle vacanze e già adesso avverto sulle spalle il peso dello stress della routine quotidiana. Purtroppo, però, al momento non mi è possibile saltare su un aereo e  l’unico modo che ho di staccare un po’ la spina è quello di immergermi tra le pagine di un libro. I romanzi sono il rimedio più efficace contro i malesseri dell’anima, e non hanno effetti collaterali! In questi ultimi giorni il mio pessimo umore e la mia irrequietezza mi hanno reso piuttosto intrattabile. Sentivo di avere la necessità di stare per conto mio persa tra le pagine di un bel libro.

Quando mi è capitato tra le mani L’ospite indesiderato ho subito capito di aver trovato la lettura giusta per questo periodo. Non c’è niente di meglio di un bel romanzo giallo per evadere un po’ dalla realtà!

Così, stuzzicata dalla trama e dall’ambientazione così particolare, mi sono subito lasciata trasportare dalla penna dell’autrice. In un solo istante mi sono ritrovata al Catskill and Mitchell’s Inn , un piccolo albergo di montagna immerso nel verde della foresta, il luogo ideale per trascorrere un weekend in pace, lontani dalla routine quotidiana e dallo stress. Ammetto che, leggendo le descrizioni, mi verrebbe subito voglia di prenotare una stanza (magari però eviterei di includere nel pacchetto l’omicidio)!

Anche nel luogo più remoto e più pacifico, però, possono nascondersi dei pericoli e delle oscure minacce…

Un esiguo gruppo di ospiti, che apparentemente non hanno nulla in comune, decide di trascorrere un weekend in questo chalet. Il maltempo che negli ultimi giorni ha flagellato queste montagne non li ha fermati. Ognuno di loro è in vacanza per un motivo diverso, c’è chi è in cerca di un po’ di pace per poter completare il suo ultimo libro come Candice, chi in apparenza vuole ritrovare un po’ dell’intimità matrimoniale come Beverley e chi invece è lì solo per rilassarsi. Nessuno di loro, però, avrebbe mai potuto immaginare che questo pacifico finesettimana si sarebbe trasformato in un vero e proprio incubo, in un susseguirsi di eventi da cardiopalma.

Immersi in questa atmosfera irreale di calma e isolati dal resto del mondo, senza nessun collegamento telefonico, internet e senza la possibilità di lasciare l’albergo a causa della tempesta di neve e dell’inagibilità delle strade, gli ospiti devono trovare un modo per trascorrere le prossime ore.

Il ritrovamento del cadavere di una giovane donna, morta modo sospetto, è solo il primo di una lunga scia di sangue che colpirà gli ospiti dell’albergo. Chi è l’assassino e qual è il suo scopo?

La luce fioca che penetra dalle finestre del piano di sotto illumina uno spettacolo agghiacciante. Dana giace distesa ai piedi delle scale, perfettamente immobile, gli arti in una posizione innaturale sotto la vestaglia di seta blu. I suoi splendidi, lunghi capelli scuri sono sparsi tutt’attorno a lei, ma il suo volto ha un pallore inconfondibile. Riley capisce subito che Dana è morta.

Nessuno può lasciare l’albergo o può essere arrivato dall’esterno, quindi, l’assassino è uno di loro.

L’ospite indesiderato è un giallo avvincente ricco di suspense che mi ha letteralmente tenuto incollata alle pagine. La tensione che si respira tra le mura dello Catskill and Mitchell’s Inn si taglia con il coltello. Gli ospiti sono in apparenza delle persone perbene ma ognuno di loro nasconde il proprio scheletro nell’armadio. Riusciranno i superstiti a smascherare il colpevole e a sopravvivere in attesa dei soccorsi?

È stata un’esperienza di lettura appassionante che mi ha permesso di staccare la spina e che ha stimolato “le mie celluline grigie”. Durante la lettura ho cercato, invano, di risolvere questo rompicapo insieme ai protagonisti ma è soltanto nelle ultime pagine che il colpevole viene smascherato e che finalmente tutti le tessere del puzzle trovano il loro posto.

Odia la costante, generalizzata ansia che ormai avverte di continuo. (…) (…) Alla fine, scivola faticosamente nel sonno. Mentre perde conoscenza, le pare di sentire un urlo in lontananza. Si convince che non è un urlo, ma un ricordo; spesso sente delle grida mentre si addormenta. C’è abituata. Sono un precursore degli incubi.

L’autrice pone molta attenzione sull’aspetto psicologico della vicenda e per questo motivo sceglie di utilizzare una narrazione in stile corale, cosa che ho apprezzato molto perché mi ha permesso di avere una visione completa degli eventi e di immedesimarmi meglio nei protagonisti.

Lo stile diretto, privo di fronzoli inutili, rende particolarmente veloce la lettura di questo romanzo. Le descrizioni sono dosate con cura e non appesantiscono la narrazione. Ho amato molto l’ambientazione scelta dall’autrice. Le descrizioni dell’albergo e della foresta innevata che lo circonda sono suggestive ed efficaci.

L’ospite indesiderato è un “giallo vecchio stampo” più simile ai racconti di Agatha Christie che non alle serie tv  più moderne, scientifiche e dinamiche come C.S.I. Questa storia, in particolare, per le tematiche e per le sensazioni che mi ha trasmesso, mi ha ricordato molto Trappola per topi o Dieci piccoli indiani di Agatha Christie.

Non sembra affatto un incidente. A lui sa tanto di omicidio.

Shari Lapena è stata davvero una piacevole scoperta. È il suo primo romanzo che leggo ma di certo non sarà l’ultimo.

Consiglio questo libro a chi vuole leggere una storia avvincente e a chi ama i romanzi gialli “classici” come Agatha Christie o Ellery Queen.

Il romanzo è disponibile su Amazon

Buona lettura!

Un pensiero su “Review party: “L’ospite indesiderato” di Shari Lapena – ed. Mondadori

  1. Pingback: My Bookish 2019 | ROMANCE E ALTRI RIMEDI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.