Review Tour: “Il caso Léon Sadorski” di Romain Slocombe – Fazi Editore

74798249_799338997202707_3470661079309221888_o

Ciao a tutti! Oggi partecipo al review tour de Il caso Léon Sadorski edito da Fazi Editore. Ringrazio Luisa (I sussurri delle muse) per l’organizzazione dell’evento e la casa editrice per la copia ARC

41Br8xcxl3L._SY346_Sinossi

Parigi, aprile 1942. La capitale francese è in piena Occupazione tedesca. La paura dei bombardamenti inglesi, i traffici illeciti, gli arresti arbitrari, la caccia serrata al terrorista e all’ebreo di turno sono all’ordine del giorno e la popolazione deve decidere se stare o meno dalla parte dei nazisti. Per Léon Sadorski, ispettore di polizia antisemita e anticomunista, la scelta è scontata: il collaborazionismo rappresenta l’occasione perfetta per ottenere privilegi e autorità. Personaggio dall’indole egoista e meschina, per lui l’Occupazione sarà anche l’alibi ideale per lasciare libero corso a tutte le sue bassezze e perversioni: si getterà quindi a capofitto nel suo lavoro di poliziotto, arrestando gli ebrei per spedirli al campo di lavoro più vicino, dando una mano alle Brigate speciali incaricate di intervenire contro i presunti terroristi e approfittandosi di chiunque. Ma, come tutti gli approfittatori, Sadorski è avido e codardo; e quando verrà arrestato inspiegabilmente dalla Gestapo e portato in una prigione di Berlino, dovrà giocare d’astuzia e affinare le sue armi per poter continuare indisturbato a fare i propri interessi nella Parigi collaborazionista.

Romain Slocombe firma un thriller atipico, pervaso dell’atmosfera classica del noir francese e al tempo stesso minuziosamente documentato sul piano della ricostruzione storica. Léon Sadorski, protagonista antieroe di una nuova serie di polizieschi, trascina il lettore in una Parigi oscura e corrotta.


Recensione di Mara

Dopo tante letture d’evasione, dai toni delicati sentivo la necessità di leggere qualcosa di più impegnativo e di un po’ più crudo. Negli ultimi mesi sono inspiegabilmente attratta dai romanzi ambientati durante il periodo della Seconda Guerra Mondiale, un’epoca dura, complessa e difficile ma che ha lasciato il segno. Anche se sono passati ormai molti anni dalla fine del conflitto, l’antisemitismo, l’odio e la violenza che a quei tempi si diffondevano a macchia d’olio per le vie delle città, sono argomenti tutt’ora attuali.

Quando mi è stato proposto in lettura Il caso Léon Sadorski ho accettato subito con entusiasmo anche se non avevo idea di cosa aspettarmi da questa lettura. Stuzzicata dalla trama e dal contesto storico mi sono subito immersa nella lettura e in pochi istanti mi sono ritrovata nella Parigi del secolo scorso durante il periodo dell’occupazione tedesca. Parigi è una città duramente provata dalla durezza del conflitto bellico e in cui si respira un clima di tensione. Non esiste nessuna libertà e i pericoli possono nascondersi dietro a ogni angolo. Tra le vie più note della capitale francese conosciamo Léon Sadorski, il protagonista di questo romanzo, un antieroe per eccellenza, un uomo controverso, ambiguo e dalla personalità sfuggente.

A tempo perso, Sadorski s’interessa alla storia della capitale e, ancora di più, a quella della polizia. È nato in Tunisia sotto il segno del Leone. È basso di statura, tarchiato, largo di spalle, con il mento un po’ sfuggente, il naso corto, la fronte convessa sotto i capelli ondulati, prematuramente incanutiti.

Léon Sadorski è una figura alla quale non sono riuscita ad affezionarmi e che non è riuscito a suscitarmi dei sentimenti di simpatia perché purtroppo il suo modo di pensare e di comportarsi non è in linea con la mia etica. Léon è un ispettore di polizia ed è anche un antisemita e un anticomunista. L’occupazione tedesca ha gettato inevitabilmente la città nel caos e in questo clima di incertezze e di confusione lui ne approfitta per dare sfogo alle sue bassezze. In questo clima così carico di tensione è facile ritrovarsi all’improvviso invischiati in situazioni complesse e potenzialmente pericolose e infatti anche Léon si ritrova intrappolato in un problema di grandi proporzioni che lo porta a essere arrestato e interrogato dalla Gestapo. Riuscirà a cavarsela?

Pensa a Yvette: come reagirà leggendo il messaggio che le ha lasciato? Ci crederà? Quei “quindici giorni” in Germania rischiano di diventare mesi, anni…

Il caso Léon Sadorski è una lettura gradevole che mi ha impressionato per la sua veridicità storica e per la ricostruzione impeccabile della società dell’epoca. Leggendo questo romanzo, infatti, sembra quasi di respirare lo stesso clima e la stessa aria che respiravano le persone in quei giorni così lontani e difficili. Questo romanzo è un thriller atipico, diverso dagli altri romanzi a cui sono stata abituata negli ultimi anni. La trama è complessa, articolata, imprevedibile e ricca di numerosi dettagli. Per questo motivo è una lettura impegnativa, che tratta di argomenti con un certo spessore, e che per essere compresa in ogni sua sfumatura necessita di un alto livello di concentrazione da parte del lettore. Prendetevi, quindi, tutto il tempo che vi serve per leggerlo, senza aver fretta di finire subito il libro e senza farvi intimorire dal numero cospicuo di pagine!

Spaventato Sadorski ha tirato Yvette verso l’interno della camera, l’ha costretta a rifugiarsi sotto il letto, dove l’ha raggiunta; dopo Ѐtampes, l’ispettore è preso dal panico davanti ai bombardamenti aerei. L’indomani la gente raccontava che gli inglesi avevano sganciato bombe atomiche, il che è impossibile – si trattava semplicemente di bombe con una grande potenza di esplosione.

Con uno stile asciutto, diretto e che definirei persino “duro” in alcune occasioni, l’autore riesce a trasportarci indietro nel tempo in maniera impeccabile. A differenza dei thriller che sono abituata a leggere questo romanzo non ha un ritmo incalzante della narrazione ma è più un viaggio nella mente oscura di un uomo e una finestra su un’epoca ricca di incertezze, ingiustizie e sofferenze.

Consiglio questo libro alle persone che amano i romanzi storici in cerca di una lettura impegnativa.

Il romanzo è disponibile su Amazon

Buona lettura

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.