Segnalazione: “Ultime novità flower-ed” – Ann Radcliffe, Marchesa Colombi, Diego Pignatelli Spinazzola, Jean Webster

Buongiorno! Oggi ho proprio voglia di classici. Ecco una carrellata delle ultime uscite per la casa editrice flower-ed.

Il romanzo della foresta di Ann Radcliffe (LINK)

51zGkdkAArL._SX322_BO1,204,203,200_Adeline è un’affascinante e misteriosa fanciulla il cui passato è stato segnato da una serie di drammatici eventi. Dopo l’abbandono da parte del padre, incontra sulla sua strada Pierre de la Motte e la sua famiglia, in fuga su una carrozza da Parigi a causa dei debiti. Gli eventi costringono la compagnia a trovare rifugio in un’antica abbazia in rovina, nelle profondità della foresta di Fontanville, ma il sollievo iniziale è disturbato ben presto dall’arrivo del Marchese de Montalt, proprietario di quei luoghi. Sogni terrificanti e sinistri ritrovamenti ossessionano nel frattempo Adeline, mentre le crescenti attenzioni del Marchese la costringono a contemplare la possibilità di fuggire in regioni lontane. “Il romanzo della foresta” fu pubblicato per la prima volta nel 1791.

In risaia di Marchesa Colombi (LINK)

41RwRh-1DkL._SX322_BO1,204,203,200_Secondo la tradizione contadina della pianura novarese, una giovane in età da marito che voglia essere corteggiata deve esibire sul capo una preziosa corona di spilloni d’argento. Ben salda negli usi della sua gente e sognando un matrimonio con il giovane di cui è innamorata, la bella Nanna Lavatelli non ha altra scelta che lasciare il cascinale in cui vive con la sua povera famiglia e andare a lavorare nelle risaie per guadagnarsi il denaro necessario per l’acquisto dell’argento. Ma quella pianura avvolta in un vapore grigio e pesante, il lavoro di zappatura del fondo e poi di mondatura del riso, l’acqua stagnante che le arriva fin sopra le ginocchia, le lunghe ore china su quelle esalazioni fetide con le sanguisughe attaccate alle gambe fanno ammalare gravemente la giovane sventurata. La vicenda prende una china tragica, in cui a tutti i piani d’amore e felicità subentrano sentimenti di cattiveria e vendetta; eppure il desiderio e la speranza restano vivi, portando la storia a una conclusione inaspettata.

Sempiterna luce, Arcana vestigia di Diego Pignatelli Spinazzola (LINK)

41ZMsr8vIjL._SX322_BO1,204,203,200_“Sempiterna luce, Arcana vestigia” è una raccolta di poesie in cui Diego Pignatelli Spinazzola riprende il linguaggio aulico della poesia tradizionale e, attraverso sfumature antiche, liriche barocche e arcadiche, vi inserisce i motivi junghiani dell’alchimia. Ispirandosi ai modelli originali del profondo e alle immagini della psicoanalisi junghiana nella sua tradizione letteraria filosofico-religiosa, l’autore introduce l’ermetismo d’elezione junghiana in una sperimentazione poetica volta al richiamo dei classici. Diego Pignatelli Spinazzola (Napoli, 1975) è poeta, autore di saggi psicologici e studioso del pensiero junghiano nelle sue varie declinazioni: alchimia, gnosticismo ed ermetismo filosofico. Il suo Primordial Psyche: A Reliving of the Soul of Ancestors (iUniverse 2011) è stato recensito nello “Jung Journal: Culture & Psyche” oltre che nel “Journal of Analytical Psychology” e nell’“International Journal of Jungian Studies”. Ha pubblicato inoltre The Awakening of Intelligence: Toward a New Psychology of Being (iUniverse 2010), Psiche Primordiale: Una visione a orientamento junghiano-transpersonale (Persiani Editore 2013), Jung e l’alchimia: Introduzione all’alchimia junghiana (Persiani Editore 2015), Arcanum arcanorum. Ricercatezza dell’«arcanum» nelle opere alchemiche di C.G. Jung (Edizioni Mediterranee 2019).

La principessa del grano di Jean Webster (LINK)

41nKFff41VL._SX322_BO1,204,203,200_Marcia è la bellissima figlia di un milionario americano, giunta in Italia per trascorrere la primavera insieme agli zii, Howard e Katherine Copley, in un’antica dimora situata nei pressi di Palestrina. Tra le romantiche colline della Sabina, le visite turistiche a Roma e le feste in compagnia di un’esclusiva cerchia di amici, la giovane viene subito conquistata dalla magia dell’Italia, terra incantevole e sfondo ideale per una grande storia d’amore. Due uomini dal temperamento molto diverso si fanno infatti strada nei suoi pensieri: Paul Dessart, un aspirante pittore, immaturo e spensierato, e Laurence Sybert, affascinante e tormentato segretario dell’ambasciatore americano. Ma dietro le vite agiate dei protagonisti e i paesaggi idilliaci si celano la fatica e la miseria dei poveri contadini di una nazione che, alla fine dell’Ottocento, è ancora giovane e politicamente instabile. In un gioco fatto di attese, scoperte e fraintendimenti, Marcia dovrà imparare a guardare oltre le apparenze e fare le sue scelte. Jean Webster pubblicò La Principessa del Grano nel 1905, ispirandosi a uno dei suoi viaggi in Italia e offrendo al lettore il racconto di un’epoca. Questa rappresenta la prima traduzione italiana – integrale e annotata – dell’opera.

Buona lettura! 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.