Review party: “Stoner” di John Williams – ed Mondadori

Buon pomeriggio! Oggi partecipo al review party di Stoner di John Williams. Ringrazio la casa editrice per l’opportunità.

Trama

Stoner – pubblicato per la prima volta nel 1965 – è stato per parecchio tempo uno dei grandi romanzi dimenticati della letteratura americana.

John Williams racconta la vita di un uomo, Stoner appunto, che, nato in una famiglia di contadini poveri, finisce per scoprire dentro di sé una passione struggente per la letteratura e diventa professore. È la storia di un uomo che conduce una vita semplice al limite della frugalità. Una vita che lascia poche tracce.

Ma Stoner è molto molto di più: è un romanzo sull’amicizia, sul matrimonio, un romanzo di ambiente universitario, un romanzo sociale e – last but not least – un romanzo sulla fatica. Sul duro, implacabile lavoro nelle fattorie, sull’impegno che richiede la vita matrimoniale, sulla difficoltà di allevare con paziente empatia una figlia all’interno di una famiglia avvelenata, e sul tentativo di avvicinare alle meraviglie della letteratura studenti universitari spesso insensibili.

Ma, al fondo, Stoner è soprattutto un romanzo sull’amore: sull’amore per la poesia, per la letteratura e anche sull’amore romantico. È un romanzo su cosa significa essere umani.

Alla luce di questa centralità dell’amore per la letteratura e per la poesia, abbiamo pensato di pubblicare in questo volume, insieme al romanzo, una raccolta di poesie di John Williams, inedita in Italia, dal titolo La necessaria menzogna, uscita nello stesso anno in cui venne pubblicato Stoner e quindi vicinissima ai temi che più stavano a cuore a Williams in quel periodo. In questo modo vogliamo offrire ai tantissimi lettori innamorati di quel romanzo un elemento ulteriore, sconosciuto, inedito, che è in grado di articolare e approfondire meglio proprio quel “Mistero della Mente e del Cuore” di cui scriveva John Williams.


Recensione di Mara

Avevo sentito parlare di questo romanzo diverso tempo fa ma non ho mai avuto l’occasione di leggerlo prima d’ora. Quando mi è stato proposto e ho letto la trama mi sono subito incuriosita e ho accettato di partecipare a questo review party con grande entusiasmo. In queste giornate così grigie sia da un punto di vista climatico sia per quanto riguarda le notizie che purtroppo riceviamo ogni giorno. In cerca di relax mi sono lasciata trasportare dalla penna dell’autore in questo romanzo che a mio avviso potrebbe già essere annoverato tra i classici della letteratura americana. Stoner il protagonista del romanzo è un uomo di origine umile, cresciuto in un ambiente povero e abituato a lavorare sodo la terra. Ma come a volte capita l’arte e la letteratura vanno incontro alle persone in un modo aspettato e Stoner sviluppa una forte passione per la letteratura e per la poesia. Stoner è una storia intensa, ricca di passione e di sacrificio che non può non appassionare il lettore. Attraverso queste pagine è percepibile l’amore per la letteratura ed è praticamente impossibile non rimanerne coinvolti.

Stoner è un romanzo dal grande impatto, una lettura coinvolgente nella quale mi sono immedesimata. Ho ammirato il protagonista che riesce a lottare per raggiungere il suo sogno e che vive quasi unicamente per la sua passione. Grazie inoltre a uno stile fluido e scorrevole la lettura di questo romanzo è piuttosto veloce.

In questo volume sono raccolte inoltre diverse poesie dell’autore. La sorpresa e il piacere della lettura quindi non si concludono con la fine del romanzo ma proseguono oltre. Ogni poesia è delicata, emozionante e coinvolge i sensi dell’autore in modo diverso. Le poesie sono presenti sia in lingua originale sia nella traduzione in modo da poter apprezzare la musicalità dell’opera. Sono tutte stupende e trattano degli argomenti più svariati. Mi è rimasta impressa in particolar modo La foglia perché con la sua semplicità mi ha regalato una sensazione di serenità che solo il contatto con la natura riesce a dare e ho apprezzato molto anche Un vecchio attore al suo pubblico perché mi ha rispolverato i ricordi di quando anche io facevo teatro. Qual è la vostra preferita?

Leggere Stoner e le poesie contenute nel libro è stata un’esperienza davvero interessante e mi ha permesso di riscoprire una vera e propria perla della letteratura. Anche se i temi trattati possono essere considerati semplici, la profondità con cui vengono gestiti dall’autore fa davvero la differenza. Attraverso le pagine di Stoner è rappresentato tutto ciò che a mio avviso c’è di importante per una persona: amore, amicizia, lavoro e passione. Insomma in poche parole Stoner è un romanzo dalle tematiche filosofiche che stimola il lettore alla riflessione sulla vita e su ciò che è realmente fondamentale. In apparenza potrebbe sembrare una lettura pesante ma grazie anche a un numero di pagine non eccessivo mi è risultato più leggero e piacevole di quello che speravo. Se amate le storie profonde, commoventi e toccanti e se vi piace la poesia non lasciatevelo sfuggire!

Il romanzo è disponibile su Amazon. Buona lettura!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.