Blogtour: “Archeologia misteriosa” di Alfonso Cappetta – ed. Newton & Compton – Documenti antichi

Buongiorno! Oggi partecipo al blogtour dedicato al romanzo Archeologia misteriosa. Ringrazio la casa editrice per l’opportunità.

Trama

Gli enigmi che la scienza non ha mai risolto

Dai teschi di cristallo maya alle linee di Nazca, dalla mappa di Vinland al manoscritto Voynich

In tutto il mondo esistono decine e decine di reperti archeologici che sfidano la concezione che abbiamo della storia. Sono i cosiddetti OOPARTS, gli “Out Of Place ARTifacts”: oggetti che, per le loro caratteristiche tecniche troppo evolute, per la loro funzione incomprensibile o per ciò che rappresentano, non sarebbero dovuti esistere nell’epoca a cui risalgono. Dalle pietre di Ica al manoscritto Voynich, dalle linee di Nazca alla pila di Baghdad, il libro offre, per la prima volta in Italia, un’analisi rigorosa di questi reperti impossibili, indagandone la provenienza e passando in rassegna le varie teorie che negli anni hanno tentato di spiegarli. Una ricerca appassionante e libera da pregiudizi e dogmi scientifici, volta unicamente a sviscerare gli intriganti misteri celati dietro testimonianze straordinarie. Un viaggio attraverso il lato nascosto dell’archeologia e della scienza, per scoprire oggetti la cui sola esistenza è in grado di far tremare tutto il mondo accademico ufficiale.

Se la storia non fosse quella che conosciamo?


Documenti antichi

Oggi, grazie al romanzo Archeologia misteriosa “gioco” un po’ a fare la Alberto Angela della situazione. Il libro, interessante, ripercorre alcuni tra i misteri più affascinanti della storia. Quali sono i documenti più antichi e particolari che esistono? Ce ne sono sicuramente moltissimi ma vi farò un breve cenno in particolar modo a  La mappa di Vinland, La mappa di Piri Re’is e Il disco di Festo.

La mappa di Vinland) è una presunta carta geografica del XV secolo copia di un originale del XIII secolo.

fonte google

La mappa rappresenta l’Europa, Asia e Africa, e anche Islanda, Groenlandia e più a ovest, una terra chiamata Vinilanda Insula e un testo che parla della sua scoperta da parte dei Vichinghi nel XI secolo. Da diverso tempo,infatti, avevo letto delle teorie secondo la quale il primo europeo a giungere sul suolo americano non fu Cristoforo Colombo. E se ad aver scoperto l’America siano stati davvero i vichinghi? Il motivo per cui questa mappa ha suscitato tanto clamore è proprio perché rappresenta una parte di mondo che all’epoca nessuno conosceva e questo, quindi, sembrerebbe confermare la tesi che forse la storia che conosciamo non è del tutto corretta.

fonte google

La mappa di Piri Re’is pare essere una parte di un documento più ampio, di cui rappresenta circa un terzo dell’estensione originaria. Rappresenta una porzione dell’Oceano Atlantico oltre all’Europa, l’Africa e il versante orientale dell’America meridionale. La mappa venne realizzata da Piri Re’is per essere poi offerta in dono al Sultano ottomano Solimano il Magnifico nel 1517. Fu redatta riunendo le informazioni contenute in diverse carte nautiche, mappamondi e utilizzando anche la cosiddetta “mappa di Colombo”, ovvero la mappa utilizzata dal grande navigatore italiano. Sull’interpretazione della mappa ci sono varie ipotesi. Secondo alcuni studiosi alcune regioni rappresenterebbero l’Antartide, un continente però difficilmente raggiungibile a quei tempi.

fonte google

Il disco di Festo è un reperto archeologico ritrovato nell’omonima città di Festo, sull’isola di Creta. Il ritrovamento risale al 1908 e si tratta di un disco di terracotta di circa 20 cm che è stato datato come risalente al 1700 a.C. il disco contiene 242 simboli. Che cos’è questo disco? A cosa serve? Ancora queste domande attendono delle risposte e ci sono anche dei dubbi sulla sua originaria ubicazione. Resta uno dei più grandi misteri dell’archeologia. Invano si è cercato per anni di comprendere le iscrizioni e c’è anche chi parla di contraffazione.

Questi sono solo tre tra i grandi misteri racchiusi in questo romanzo. Volete conoscere gli altri? Seguite tutte le tappe del blogtour! Il romanzo è disponibile su Amazon.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.