Review party: “La scienza di Guerre Stellari” di Luca Perri – ed. Rizzoli

Buongiorno! Oggi partecipo al review party de La scienza di Guerre Stellari. Ringrazio la casa editrice per l’opportunità.

Trama

Era il 1977 quando il mondo scoprì una galassia lontana lontana, ricca di pianeti e tecnologie di ogni tipo. Da allora, miliardi di persone hanno seguito le vicende della saga di Star Wars, immedesimandosi in eroi intenti a lottare contro un Impero malvagio. Iperspazio, pistole laser, droidi, porti spaziali e una misteriosa Forza capace di connettere tutti gli esseri viventi. Quanto la fantascienza ha attinto dalla scienza reale per ricreare questi mondi e civiltà? Sulla Terra sappiamo costruire una spada laser? Quali tecnologie della Morte Nera abbiamo già sviluppato? Quanto costerebbe realizzare il Millennium Falcon? E riusciremmo a pilotarlo in una fascia di asteroidi? C’è però un altro aspetto da considerare: quanto è invece la scienza ad aver tratto ispirazione dalla fantascienza cinematografica? Con una sorta di quiz interattivo (strutturato come un Chi vuol essere milionario?), adatto ai fan più sfegatati ma anche ai semplici curiosi, Luca Perri spazia in questo libro dalla fisica alla biologia, dall’astronomia all’ingegneria, dall’economia alla chimica per illustrare – con l’ironia e l’accuratezza che ben conosce chi lo segue sui social e in televisione – come la relazione tra scienza e fantascienza non sia mai a senso unico. “Alla base della scienza c’è la curiosità, e il porsi domande che nessuno si è ancora mai posto. Ma per farlo serve la fantasia. La morale è che bisogna sempre seguire la propria fantasia, perché non sappiamo dove potrebbe condurci.”.


Recensione di Mara

Come milioni di altre persone della mia generazione anche io sono cresciuta con la saga di Star Wars. Mi ricordo ancora la prima volta che ho visto l’episodio IV da bambina! È stato amore a prima vista e da allora non ho perso un film di questa saga. Forse se sono amante della fantascienza lo devo proprio ai film di George Lucas perché mi ricordo i tanti pomeriggi spesi a sognare a occhi aperti la vita a bordo di un’astronave in una galassia lontana, lontana. Quando mi è stato proposto di partecipare all’evento organizzato in occasione dell’uscita de La scienza di Guerre Stellari non ho saputo resistere e così, carica di curiosità, mi sono unita all’alleanza ribelle delle blogger.

Quante volte mi sono domandata quanto fossero fondate le teorie scientifiche di Star Wars! Le spade laser potrebbero esistere davvero? Come dico sempre quando leggo un libro o guardo un film, in ogni storia c’è sicuramente molta immaginazione ma anche un briciolo di realtà. Ne La scienza di Guerre Stellari l’autore ci presenta con uno stile che ricorda molto il noto quiz Chi vuol essere milionario alcune curiosità scientifiche inerenti al mondo di Guerre Stellari. Ho letto questo libro in poche ore con molto piacere. Anche se la mia vita ha preso poi delle strade diverse il mio amore per la scienza è sempre vivo e uno dei punti di forza di questo romanzo è la sua semplicità. L’autore, infatti, riesce a rendere comprensibili a tutti anche il concetto fisico più complesso e articolato. L’idea, inoltre, di strutturare il romanzo come un quiz è a dir poco geniale perché mi ha spronato a mettermi alla prova! Grazie a uno stile fluido e ironico leggere questo libro è stata un’esperienza curiosa e anche molto divertente. Tra queste pagine mi sono rilassata e ho scoperto anche alcuni aneddoti che non conoscevo. Se siete dei fan della saga non potete non raccogliere la sfida! Leggete La scienza di Guerre Stellari e provate a rispondere alle domande! Vi divertirete enormemente.

Che la forza sia con voi!

Il romanzo è disponibile su Amazon. Buona lettura!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.