Review party: “Una vacanza sul lago” di Sarah Morgan – ed. Harper & Collins

Ciao! Oggi partecipo al review party di Una vacanza sul lago di Sarah Morgan. Ringrazio la casa editrice per l’opportunità.

Trama

Flora Donovan è soddisfatta della propria vita, anche se sotto un effervescente ottimismo nasconde un insospettabile segreto: è sola. Rimasta orfana da bambina, non ha mai avuto veri legami affettivi… finché non incontra Jack Parker. Lui è il primo uomo che si sia mai accorto di lei come persona, e questa, nella sua vita monotona e tranquilla, è una piacevole novità.

Izzy Parker ce la sta mettendo tutta, ma da quando ha perso la mamma, un anno fa, occuparsi del padre e della sorellina è l’unica cosa che la faccia sentire al sicuro. Così, scoprire che lui ha una nuova fidanzata le sembra un vero e proprio incubo, visto che non sta cercando una nuova madre. Poi suo padre invita Flora a trascorrere le vacanze estive insieme a loro nella casa sul lago…

Flora non può che provare empatia nei confronti della scontrosa adolescente, ma sopra ogni cosa vuole che la relazione con Jack funzioni. Così, con il progredire dell’estate, si ritrova sempre più spesso a sfidare i propri limiti, fino a scoprire insospettabili aspetti di sé… e a trovare infine la famiglia che ha sempre desiderato.


Recensione di Mara

Mi sono immersa nella lettura di questo romanzo fidandomi ciecamente del talento di Sarah Morgan, autrice che ho imparato ad apprezzare in questi ultimi anni e che è sempre riuscita a stupirmi. Ero certa che tra queste pagine avrei trovato tutti gli ingredienti che cercavo per rendere migliori le mie giornate: emozioni, romanticismo e tanto tanto sentimento. Non mi sono sbagliata. Una vacanza sul lago era proprio il libro che ci voleva in questi giorni! Dopo pochi istanti la penna della Morgan è riuscita a catturare la mia attenzione facendomi dimenticare dei miei problemi, della pandemia e dell’ennesima grandinata che ha distrutto i miei progetti pomeridiani. Uno dei punti di forza di questo libro sono i suoi personaggi. Sono rimasta davvero stupita dall’abilità con cui l’autrice è riuscita a caratterizzare la loro personalità e a rendere queste figure reali, complesse e ricche di sfaccettature. Ma partiamo con ordine. Flora è una donna che ha sempre vissuto nell’ombra per tutta la vita. Il suo passato l’ha duramente segnata rendendola una persona estremamente sensibile ma anche fragile e ricca di insicurezze. Ha il timore di non essere mai accettata dal prossimo e quindi cerca di compiacere chi la circonda in tutti i modi, evitando discussioni e addirittura reprimendo la sua vera natura. Flora non è mai se stessa con gli altri. Ha difficoltà ad aprirsi e teme sempre di non essere compresa. Non c’è da meravigliarsi che le cose in amore non vadano per il meglio fino a quando all’improvviso Jack non irrompe nella sua vita.

Jack è un uomo fantastico, sensibile che ha alle spalle un forte dolore. Da alcuni mesi è vedovo e trascorre le sue giornate dividendosi tra il lavoro e il ruolo di padre, cosa che gli crea una certa difficoltà perché non è mai certo di fare la cosa giusta. Ritrovarsi all’improvviso a elaborare un lutto e a doversi occupare da solo di due ragazze non dele essere infatti la cosa più semplice del mondo. Izzy e Molly, infatti, sono state duramente colpite dalla tragedia. Perdere un genitore non è mai un’esperienza facile, a maggior ragione quando si è ancora in fase di crescita e si ha bisogno di punti di riferimento stabili. Izzy, la maggiore delle due, ha preso in mano la situazione cercando di occuparsi al meglio delle sue possibilità di Molly, della casa e di mille altre responsabilità che non dovrebbero gravare sulle spalle di una diciassettenne. Izzy è come se fosse diventata all’improvviso adulta, perdendo quella freschezza e quella semplicità delle sue coetanee con cui ultimamente fatica a relazionarsi. Negli ultimi mesi è diventata chiusa, scontrosa ed estremamente gelosa delle proprie abitudini. Flora ama molto Jack ma non è facile inserirsi in questo contesto delicato. Comprende le emozioni di Izzy ma come può competere con l’ingombrante presenza di chi non c’è più? Forse i panorami mozzafiato e le atmosfere meravigliose del Lake District potranno aiutarla.

Una vacanza sul lago è un romanzo complesso che tratta di un argomento delicato e con cui tutti purtroppo prima o poi abbiamo a che fare: l’elaborazione del lutto. Sono rimasta estremamente colpita dall’abilità e dal tatto con cui l’autrice è riuscita a parlarne. Avendo provato sulla mia pelle questo dolore dilaniante mi sono immedesimata senza difficoltà nei protagonisti. Mi sono rivista spesso in Flora e talvolta anche in Lizzy. La trama di questo libro è in apparenza semplice e lineare ma è pregna di sentimenti, dolori e di emozioni da renderla una storia davvero coinvolgente e toccante. L’amore, la famiglia, la crescita, l’amicizia e il lutto sono tutte cose estremamente importanti nella vita di ogni persona e sono gli elementi attorno a cui ruota tutta la vicenda. Leggere Una vacanza sul lago è stato coinvolgente ed emozionante. Non riuscivo a staccarmi dalla lettura e grazie anche a uno stile impeccabile ho divorato queste 400 pagine davvero in pochissimo tempo. Una vacanza sul lago è l’ennesima conferma del talento della Morgan. Se siete amanti delle storie romantiche e profonde non perdetelo!

Il romanzo è disponibile su Amazon. Buona lettura!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.