Review party: “Sotto lo stesso sole” di Anna Osei – ed. Mondadori

Buongiorno! Oggi partecipo al review party di Sotto lo stesso sole di Anna Osei. Ringrazio la casa editrice per l’opportunità.

Trama

Mi fermo ancora un attimo a specchiarmi e vedo una giovane donna nera. Sono afrodiscendente. Così dicono i miei occhi, i miei tratti. Sono afrodiscendente ma di africano ho solo… i discendenti. L’Africa c’entra poco con me, ce l’ho soltanto impressa sulla pelle. L’Africa la ricordo lontanamente, qualche suono, odore… Di buffo, in tutto questo, c’è che al momento questa giovane donna è rinchiusa in una gabbia dorata, ma anche questa c’entra poco col suo essere. E inizia a starle stretta. Marlene ha vent’anni, è intelligente, bella e i suoi genitori adottivi possono darle tutto ciò che potrebbe mai desiderare. Eppure quel “tutto” col tempo è diventato un peso. Perché la fa sentire in dovere di dimostrare costantemente al mondo che il suo arrivo ha portato valore alla sua famiglia. Lei che per chi guarda dall’esterno resterà sempre e comunque la bimba dalla pelle nera proveniente da chissà quale villaggio sperduto dell’Africa salvata da una coppia facoltosa, una creatura disagiata che avrà sempre bisogno di una mano bianca per potersi far valere. Quando per un progetto universitario inizia a frequentare la Caritas della sua città, incappa in Steven, un giovane nigeriano dagli occhi azzurri approdato in Italia con il sogno di un futuro a misura delle sue ambizioni. Per lui, che ha alle spalle un passato difficile e un presente tutto in salita, Marlene è una boccata d’aria fresca. Per lei, Steven è l’occasione per prendere finalmente contatto con le sue radici. Per entrambi, poi, conoscersi rappresenta una sfida e un’opportunità. Frequentandosi scopriranno quanto, anche per loro, è difficile andare oltre le facili etichette e i pregiudizi, che, quando trovi la persona giusta, vale la pena mettere a nudo le proprie fragilità, e soprattutto che non devono mai smettere di lottare per costruirsi una vita il più fedele possibile alla loro anima, scaldati da uno stesso sole che li accompagna passo dopo passo, incurante delle distanze e delle differenze.


Recensione di Mara

Una delle cose più belle della lettura è quando un romanzo riesce a stupirti. Ho iniziato a leggere la storia della Osei senza sapere bene cosa aspettarmi. Temevo di avere tra le mani una storia particolarmente toccante che mi avrebbe fatto piangere fiumi di lacrime ma in realtà così non è stato. Sin dalla prima pagina l’autrice è riuscita a catturare la mia attenzione e dopo pochi istanti mi sono ritrovata immersa nella vicenda. Marlene, la protagonista, è una giovane studentessa universitaria di origini africane. Il suo legame con il suo paese d’origine è piuttosto debole. Marlene ricorda pochi dettagli perché è stata adottata molti anni fa da una famiglia benestante che l’ha accudita ed educata assicurandole ogni genere di comfort. In pratica è cresciuta come migliaia di altri ragazzi occidentali ma la sua vita è meno semplice di quello che potrebbe sembrare. Agli occhi dei suoi coetanei bianchi lei è sempre la ragazza di colore, proveniente dall’Africa e “diversa” da tutti loro, agli occhi dei ragazzi di colore in difficoltà lei è invece la ragazza bianca che non può comprendere i loro problemi. Convivere con questa duplice natura non deve essere semplice e si sente oppressa dalla sua stessa vita. Quando per un progetto universitario si ritrova a dover frequentare la Caritas della sua città Marlene coglie l’occasione al volo con la speranza di poter conoscere anche un po’ meglio le sue origini. La frequentazione della mensa dei poveri offre a Marlene l’opportunità di toccare con mano le difficoltà e le sofferenze delle persone più deboli (di colore e non) e di allargare gli orizzonti del mondo che ha conosciuto fino a quel momento. Tra le tante persone che si rivolgono alla Caritas rimane colpita da Stephen, un giovane coetaneo nigeriano, in difficoltà. Stephen ha una personalità complessa. È un ragazzo che può apparire allo stesso tempo scontroso e ironico e che è anche estremamente orgoglioso.

Se potessi scegliere di ricominciare la mia vita da zero, lo farei.
Vorrei poterlo fare con la consapevolezza di cosa mi sta
capitando ora. Così da stare fermo ogni volta che ho desiderato la libertà

Sotto lo stesso sole è un romanzo davvero piacevole da leggere. L’autrice riesce a trattare con delicatezza, senza rendere la narrazione troppo pesante da un punto di vista emotivo degli argomenti di grande importanza con cui ormai ci si confronta ogni giorno. Il tema centrale attorno a cui ruota tutta la storia è il pregiudizio e la paura delle differenze. Troppo spesso si danno giudizi affrettati, si evita di indagare sulla verità perché ciò che appare diverso viene guardato con diffidenza. Leggere questo libro è stata un’esperienza davvero interessante che mi ha permesso di toccare con mano una realtà che ammetto di conoscere solo superficialmente e mi ha fatto riflettere. La storia della Osei è introspettiva e ci si immedesima senza fatica nei suoi personaggi.

Sono stanca di tutte queste maschere che mi si attribuiscono. Nera per i bianchi, bianca per i neri…

Sotto lo stesso sole è un libro che si legge tutto d’un fiato e che grazie a uno stile fluido e diretto e ai capitoli brevi si legge senza troppe difficoltà. Lo consiglio a chi è in cerca di una storia realistica, che regala spunti di riflessione ma con una certa leggerezza. È una lettura che consiglio inoltre anche ai lettori più giovani perché è giusto che allarghino i loro orizzonti.

Il romanzo è disponibile su Amazon. Buona lettura!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.