Blogtour: “Le guerriere che sfidarono l’oscurità” di Namina Forna – ed. Mondadori – La protagonista

Buongiorno! Oggi partecipo al blogtour di Le guerriere che sfidarono l’oscurità di Namina Forna. Ringrazio la casa editrice per l’opportunità.

Trama

Sono passati ormai sei mesi da quando Deka ha liberato da un sonno secolare le antiche divinità di Otera, scoprendo al contempo la verità su di sé e il proprio scopo nel mondo. Ora nel regno imperversa la guerra, ma la battaglia è soltanto all’inizio. Esiste infatti una forza oscura, sinistra e senza pietà, che minaccia l’umanità intera e Deka e le sue sorelle di sangue devono fermarla a tutti i costi. Ma, a mano a mano che sviluppa nuove abilità, la ragazza è costretta a fare i conti con una verità scomoda: lei potrebbe essere al contempo la chiave per la salvezza di Otera ma anche la sua più grande minaccia. E questo non è l’unico segreto che le dee le hanno tenuto nascosto


La protagonista

Le guerriere che sfidarono l’oscurità è il secondo capitolo della serie fantasy di Namina Forna. La storia è piuttosto interessante e valorizza, a mio avviso, molto le figure femminili e che affronta temi di un certo spessore. Le guerriere che sfidarono l’oscurità è il secondo capitolo della trilogia e non vedo l’ora che esca l’ultimo romanzo. Uno dei punti di forza di questa storia è senza dubbio Deka, la protagonista, una figura che l’autrice ha delineato in modo impeccabile e che (soprattutto) si è rivelato essere un personaggio di spessore e in costante crescita. Deka è una figura che non si può non ammirare e che mi ha stupito per la sua capacità di reagire di fronte a ogni difficoltà. È una ragazza forte, temprata da una vita davvero complicatissima. Deka, infatti, non è come le sue coetanee e sin dalla prima volta che la incontriamo nel primo libro viene emarginata e allontanata da tutti. Deka, infatti, ha un aspetto fisico singolare e il suo sangue è dorato, cosa che la qualifica come un alaki, ovvero una creatura dotata di abilità speciali. Deka ha imparato sulla sua pelle cos’è il pregiudizio, la solitudine e il tradimento e fin dalla tenera età è stata costretta a tirarsi su le maniche e contare solo su se stessa perché nessuno era disposto a proteggerla o ad aiutarla. Deka ha un passato carico di sofferenze e ha dovuto affrontare davvero le cose peggiori ma questo non ha fatto altro che temprare il suo carattere e aiutarla ad affrontare il suo destino. Nel corso della storia Deka si fortifica e impara sempre di più a fare affidamento su se stessa e a entrare in confidenza con quelle che sono le sue abilità. Trovo che l’autrice abbia svolto un buon lavoro di caratterizzazione del suo personaggio perché è riuscita a sviluppare in modo parallelo la sua crescita fisica e a sottolineare anche la crescita emotiva. Ovviamente, poi, tutte le vicende che coinvolgono Deka sono strettamente legate a un contesto non proprio semplice dove lei potrebbe avere un ruolo chiave di primaria importanza per la salvezza di molte persone. Se volete saperne di più. però, seguite l’evento!

Il romanzo è disponibile su Amazon. Buona lettura!

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.