Review party: “Di luce propria” di Raffaella Romagnolo – ed. Mondadori

Buongiorno! Oggi partecipo al review party del romanzo Di luce propria di Raffaella Romagnolo. Ringrazio la casa editrice per l’opportunità.

Trama

«Me. Scegli me.» In fila con gli altri, Antonio Casagrande sa che la sua preghiera muta non troverà ascolto. Scelgono sempre qualcun altro. È stato così per gli undici anni che ha trascorso al Pammatone, l’orfanotrofio genovese che lo ha accolto appena venuto al mondo, il 13 giugno 1855. E non c’è dubbio che sia per quella pupilla color perla. Chi vorrebbe un bambino difettoso? Invece un bel giorno succede. «Lui» indica l’omone grondante di pioggia che gli sta davanti. Gli serve un apprendista, poche storie. Nella bottega di Alessandro Pavia, Antonio impara quel che gli servirà a stare al mondo: la magia dell’alfabeto, la passionaccia per la politica, l’amore per la giustizia e soprattutto la nuovissima arte della fotografia. Misture alchemiche, carta albuminata e la luce, la cosa più importante. Il resto glielo spiega madama Carmen, tenutaria di bordello con il cuore spezzato e un gran talento per gli affari. Sono tempi decisivi, quelli, e anche Pavia ha una missione: la folle, visionaria impresa di ritrarre uno per uno i Mille che con Garibaldi fecero l’Italia. A Borgo di Dentro, un pugno di case sulle colline piemontesi, ne ha scovati addirittura quattro. Proprio lì, in un giorno di festa, Antonio scopre il suo potere: liberato dalla benda, potenziato dall’obiettivo della macchina fotografica, l’occhio cieco vede ciò che nessuno può vedere, il destino, l’ineluttabile. È un dono, forse. Secondo Antonio, una maledizione. Sullo sfondo, l’Italia è appena nata e l’orfano del Pammatone si fa uomo attraversando i momenti che trasformano un paese straccione e inconsapevole in una nazione. In mezzo a una folla in rivolta per il pane, Caterina, libera e coraggiosa, lo prende per mano e lo aiuta a capire, mentre le sue visioni si fanno sempre più caotiche e terribili. L’occhio cieco nel mirino, Antonio vede ciò che nessuno vorrebbe vedere, il fango delle trincee nello sguardo dei giovani che inneggiano alla guerra, la fine di chi amiamo. Feroce e implacabile, la morte non smette di sfidarlo. Finché Antonio Casagrande raccoglie la sfida. Raffaella Romagnolo ci regala un romanzo civile e intimo al tempo stesso, che assorbe tutti i colori del mondo e ne restituisce la luce.

Continua a leggere

Blogtour: “Canto di Natale” di Charles Dickens – ed. Mondadori – I tre fantasmi

Buongiorno! Oggi partecipo al blogtour de Il canto di Natale di Charles Dickens. Ringrazio la casa editrice per l’opportunità.

Trama

Il più celebre e amato racconto natalizio in una nuova traduzione con le illustrazione di Luca Caimmi. Ebenezer Scrooge è un vecchio avaro, bisbetico, scorbutico e senza cuore. I soldi sono la sua unica gioia, finché l’arrivo di tre spiriti non cambierà la sua esistenza. In una sola notte, dovrà fare i conti con il passato, il presente e il futuro, finendo così per scoprire il senso e la bellezza del Natale.

Continua a leggere

Review party: “Segreti dal passato” di Luca Betti – ed. Segreti in giallo

Buongiorno! Oggi partecipo al review party di Segreti dal passato. Ringrazio la casa editrice per l’opportunità.

Trama

Lotrib, zona portuale. Un mercante viene ritrovato morto.

Contemporaneamente scompaiono delle preziose anfore.

C’è un nuovo caso per Darden. Ma più avanzerà nelle indagini, aiutato dai suoi bizzarri amici, più le cose si complicheranno. Come se non bastasse, il giovane investigatore dovrà fare i conti con un’organizzazione chiamata Società, di cui ignora scopi e affiliati. L’unico modo per risolvere il mistero sarà cercare nel passato.

Continua a leggere

Blogtour: “Tolkien il creatore della terra di mezzo & I tesori di Tolkien” – ed. Mondadori – L’arte visiva di Tolkien

Buongiorno! Oggi partecipo a un evento che mi sta molto a cuore dedicato a uno degli autori che amo di più: J. R. R. Tolkien. Ringrazio la casa editrice per l’opportunità.

Trama

J. R. R. Tolkien era un uomo dai mille talenti: esperto linguista, filologo, studioso di letteratura e folclore, ovviamente grande scrittore e creatore di mondi. Ma era anche un abilissimo pittore e disegnatore. Lo testimoniano i ricchi materiali, in gran parte inediti, raccolti in questo volume: lettere, appunti, ma soprattutto illustrazioni, mappe, schizzi di luoghi e personaggi, che mostrano come abbia preso forma nell’immaginazione dello scrittore la Terra di Mezzo che ha affascinato e affascina i sempre più numerosi appassionati di fantasy.

Trama

Con molti pezzi unici, tratti dagli Archivi Tolkien conservati alla Bodleian Library, questo libro esplora i molteplici aspetti della vita e dell’opera di J.R.R Tolkien, dall’infanzia nelle Midlands agli studi a scuola e all’università, fino all’esperienza della Prima Guerra mondiale. Sono qui raccolte le illustrazioni per il “Silmarillion”, “Lo Hobbit” e “Il Signore degli Anelli”, insieme alle complesse mappe che Tolkien stesso disegnò per spiegare la topografia della Terra di Mezzo, il continente da lui inventato.

Continua a leggere

Blogtour: “Sword & Sorcery: L’epopea di Fafhrd e del Gray Mouser” di Fritz Leiber – Mondadori – Drago & Stregone

Buongiorno! Oggi partecipo al blogtour di Sword & Sorcery: L’epopea di Fafhrd e del Gray Mouser di Fritz Leiber. Ringrazio la casa editrice per l’opportunità.

Trama

Fafhrd è un barbaro del Nord, alto e muscoloso. Il Gray Mouser è il suo inseparabile compagno, e non potrebbe essere più diverso: piccolo, scaltro, ex apprendista di un mago e ladro. I due vivono mille avventure nel mondo di Nehwon, tra colossali bevute, feste, corteggiamenti, risse, ruberie e giochi d’azzardo… Prototipi degli eroi di mille romanzi successivi, Fafhrd e il Gray Mouser sono protagonisti dei tanti racconti riuniti in questo volume e hanno ispirato nei decenni infiniti adattamenti.

Continua a leggere

Review party: “Guida per babysitter a caccia di mostri” di Joe Ballarini – DeAgostini

Buon pomeriggio e buon sabato! Oggi partecipo al review party di Guida per babysitter a caccia di mostri. Ringrazio la casa editrice per l’opportunità.

Trama

Guida per babysitter a caccia di mostri è ora un imperdibile film Netflix

Kelly ha un obiettivo molto preciso: trascorrere le vacanze nel Favoloso Campo Miskatonic. Ma passare l’estate immersa nella natura, circondata da ragazzi affascinanti, ha un costo. Per l’esattezza, quattromila bigliettoni, che Kelly sta racimolando facendo i lavori più disparati: la pulitrice di grondaie, la spalatrice di neve, la tagliaerba. È proprio la disperata necessità di soldi che la sera di Halloween la porta ad accettare il mestiere più seccante del mondo: la babysitter. Come se non bastasse, Jacob, il bimbo a cui deve badare, è incredibilmente capriccioso e non vuole andare a dormire. È convinto che appena chiuderà gli occhi orribili mostri verranno a prenderlo. Magari fosse così… si ritrova a pensare Kelly. Quando la ragazza riesce finalmente a spegnere la luce e dargli la buonanotte, però, tre creature fanno irruzione e si gettano su Jacob. È questione di istanti e lui scompare. E ora? Cosa dirà Kelly ai genitori? Cosa racconterà alla polizia? È in quel momento che appare sulla soglia di casa una strana ragazza, con i capelli blu, equipaggiata per andare a caccia di mostri. È la ex babysitter di Jacob e non sembra per nulla preoccupata dalla vicenda. Guarda Kelly negli occhi, le tende una mano. E le rivela che il vero lavoro di una babysitter comincia adesso. Guida per babysitter a caccia di mostri è il primo capitolo di una saga che trascina il lettore nelle peripezie dei coraggiosi membri dell’Ordine dei Babysitter, che combattono per sconfiggere gli incubi. Brivido, divertimento e ora un grande film su Netflix.

Continua a leggere

Review party: “Così si perde la guerra del tempo” di Amal El-Mohtar e Max Gladstone – ed. Mondadori

Buongiorno! Oggi partecipo al review party di Così si perde la guerra del tempo. Ringrazio la casa editrice per la copia del romanzo.

Trama

Tra le ceneri di un mondo in rovina, un agente del comandamento trova una lettera: “bruciare prima di leggere”. Inizia così la strana corrispondenza tra due agenti rivali, Rossa e Blu, emissarie di due fazioni in lotta, ciascuna desiderosa di controllare il passato per dominare il futuro. Ma quella che è iniziata come una sfida a distanza presto si trasforma in qualcosa di diverso, presto si trasforma in qualcosa di diverso. Qualcosa di epico. Qualcosa di romantico… qualcosa che potrebbe farle uccidere. Perché in fine dei conti c’è una guerra in corso. E qualcuno deve vincerla. Non è così che funziona?

Continua a leggere

Review party: “Lovecraft country. La terra dei demoni” di Matt Ruff – ed. Piemme

Buongiorno! Oggi partecipo al review party di Lovecraft country di Matt Ruff. Ringrazio la casa editrice per l’opportunità.

Trama

Chicago, 1954. Quando suo padre scompare, dopo aver lasciato un biglietto spiegando dove avrebbero potuto trovarlo, Atticus Turner, ventiduenne afroamericano veterano della guerra in Corea, intraprende un viaggio nel New England, quella parte di America “bianca” dove se sei nero è meglio non mettere piede. Con Atticus c’è l’amato zio George e l’amica d’infanzia Letitia. Durante il viaggio verso la tenuta del signor Braithwhite, proprietario di un castello dove un’antenata di Atticus aveva vissuto come schiava, si imbattono in quelli che sembrano gli spiriti malvagi usciti dalle strane storie che lo zio George ama tanto. Un viaggio nell’America della segregazione razziale che si trasforma ben presto in una lotta per la sopravvivenza, tra episodi di razzismo e la minaccia di creature spaventose.

Continua a leggere

Review party: “A un millimetro dal cuore” di Massimo Bisotti – ed. Mondadori

Buongiorno! Oggi partecipo al review party di A un millimetro dal cuore di Massimo Bisotti. Ringrazio la casa editrice per la copia del romanzo.

Trama

Si può aver paura della solitudine e al tempo stesso aver paura di essere amati? Se lo sta chiedendo Meg, sola in una casa ormai vuota. Demian, lo scrittore e l’uomo con cui ha vissuto gli ultimi due anni se n’è andato senza darle nessuna spiegazione: solo i suoi scritti a parlare per lui. Da tempo la loro storia aveva iniziato a logorarsi, fra abitudine, noia e disillusione, eppure Meg non era preparata a un distacco. Per una vita era stata lei ad andarsene, incapace di cedere del tutto ai sentimenti e convinta che ognuno dovesse farcela da solo, e ora si trovava a fare i conti con l’abbandono.

Continua a leggere

Blogtour: “La congregazione” di Alessandro Perissinotto – ed. Mondadori – L’ambientazione

104429828_1045111265884665_4350292843751182215_n

Buongiorno ! Oggi partecipo al blogtour de La congregazione, un thriller mozzafiato di Alessandro Perissinotto. Ringrazio la casa editrice per la copia ARC. Prima di entrare nel merito della tappa e di conoscere un po’ meglio le ambientazioni che fanno da scenario alla vicenda vi lascio la trama del romanzo.

51ZS76MJlfL._SX324_BO1,204,203,200_Trama

Frisco, Colorado. Un tranquillo paese delle Rocky Mountains, a tremila metri di quota e a un centinaio di miglia da Denver. È qui, in una vecchia casa appena ereditata, che Elizabeth si trasferisce per scontare la pena che il giudice le ha inflitto per guida in stato di ebbrezza: ventiquattro mesi con la cavigliera elettronica e il divieto di superare i confini del villaggio. Continua a leggere